Primo giorno di Linea U a Roma: è boom di viaggiatori

La Linea U di Roma va già fortissima: nel primo giorno registra +170% di iscritti. Sono 9 le fermate coperte fino al 24 dicembre

14 dicembre 2015 - 11:00

Uber, l'app californiana che spaventa i taxisti di mezzo mondo, adesso registra un altro successo. Con un servizio particolare, leggermente diverso da UberBlack classico: questo è il Noleggio con conducente (Ncc), la berlina nera prenotata via smartphone. Invece, la Linea U è una metro virtuale a Roma, città affamata di mobilità, con fermate decise dai clienti via sondaggio web. Partito il 10 dicembre (durerà sino al 24), il nuovo prodotto di Uber attivo a nella capitale tutti i giorni dalle 8 alle 20 vede protagoniste queste nove tappe: Piazza Euclide, Piazza Fiume, Roma Termini, San Giovanni, Piramide, Trastevere, Sant'Andrea della Valle, Castel Sant'Angelo e Piazza Mazzini. 

UN ESPERIMENTO, PER ORA – Si tratta di un esperimento di mobilità partecipata, frutto di oltre 50.000 voti su Internet. Un'opzione di trasporto on demand e realizzato con vetture guidate da autisti professionisti. Le fermate coprono 3 chilometri quadrati di superficie cittadina coperti, 5 euro la tariffa standard per una corsa da fermata a fermata. E Roma ha accolto con entusiasmo la novità targata Uber: 170% di nuove registrazioni in più rispetto allo stesso giorno della settimana precedente.

IN DUE CLIC – Ma come funziona esattamente la Linea U? Aperta l'applicazione, l'utente (muovendosi sulla mappa e inserendo il nome della fermata) potrà individuare le zone coperte dal servizio e se si troverà nei pressi sarà invitato a spostarsi per raggiungerle. Una volta intercettata la fermata, sarà possibile muovere il cursore in basso su Linea U e appariranno sulla mappa della città delle icone raffiguranti vagoncini della metropolitana con relativo tempo d'attesa visibile. Come sempre, il percorso d'arrivo dell'auto, così come quello del viaggio, sarà tracciato e consultabile in ogni momento e il pagamento sarà elettronico e automatico a fine corsa. Ogni tratta sarà condivisibile per tragitto e prezzo con una o più persone. Per condividere la corsa sarà sufficiente attivare la funzione “Divisione Corsa” direttamente dall'applicazione e inserire il contatto della persona con la quale si vuole viaggiare. Usare la Linea U con 3 amici costerà meno di un biglietto dell'autobus. 

IN CASO DI PROBLEMI – Uber mira a una qualità elevata: pagamento digitale, possibilità di vedere il percorso dell'auto in arrivo e durante la corsa, valutazione dell'autista e del servizio immediatamente acquisita dal servizio clienti. In più, c'è la possibilità di avere chiarimenti, correggere eventuali errori e segnalare problemi scrivendo alla mail support@uber.com. E chissà che, vista la situazione disastrata della Città Eterna sotto il profilo della mobilità, il test Linea U non diventi definitivo, magari pure in altri Comuni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Uber, incidenti nei test ogni 15 mila miglia: ex dipendente vuota il sacco

Crisi di Governo

Crisi di Governo: 5 impegni su auto e sicurezza stradale a rischio

Le 10 cose più pericolose che si fanno al volante, anche inconsciamente