Prezzi Rc auto: Palermo +11%, Torino -14%

L'andamento della Rca varia a seconda della città: lo conferma una recente indagine

6 giugno 2013 - 7:00

Città che vai, Rca che trovi: lo conferma il Focus trimestrale sui costi Rc auto condotto da Facile.it, sito leader nella comparazione di polizze.

NOTEVOLI DIFFERENZE – A Palermo, i premi Rc auto sono cresciuti fino all'11,4%, a Torino si sono ridotti anche del 13,8%, Napoli fa registrare diminuzioni che arrivano all'8,5%; poco cambia per i neopatentati e, in generale, per i giovani automobilisti italiani. Questi i risultati dell'indagine, che ha preso in esame alcuni profili di automobilista in 8 delle principali città italiane (Milano, Torino, Verona, Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Palermo) confrontando le tariffe in vigore a maggio con quelle di febbraio 2013. “Nell'ultimo trimestre – afferma Mauro Giacobbe, responsabile business unit assicurazioni di Facile.it – i premi Rc auto si sono mossi con due velocità. In linea generale le variazioni sono state molto più contenute rispetto alla rilevazione precedente, ma evidenziamo da un lato l'inizio di una rimodulazione al ribasso delle tariffe in vigore a Napoli e, dall'altro, un forte aumento per i profili più virtuosi a Palermo”.

NEOPATENTATI “IMMOBILI” – L'indagine registra una sostanziale immobilità dei premi riservati al profilo di giovani e neopatentati: solo Roma fa segnare un +2,5% nelle tariffe dedicate a questa tipologia di automobilista che, nelle altre città campione, o non ha subìto alcuna variazione nel miglior premio disponibile o un ribasso di appena lo 0,3%. Le Compagnie, invece, hanno imposto variazioni radicali (in positivo o in negativo in base alla città) sia al profilo maschile sia a quello femminile. Nei capoluoghi settentrionali presi a campione, al profilo maschile sono stati riservati sconti tariffari in percentuali comprese fra il 3,3% di Bologna ed il 5% di Verona, con riduzioni del 4,9% a Milano. D'altro canto, e nonostante si tratti di una categoria virtuosa, i costi della copertura RC auto sono aumentati per loro del 4,2% a Firenze e addirittura dell'11,4% a Palermo. Unica eccezione nel meridione è Napoli, dove il miglior premio disponibile a maggio è inferiore dell'8,4% rispetto a quello acquistabile a febbraio. Per quanto riguarda i premi riservati alle automobiliste che rientrano nel profilo campione, l'indagine ha rilevato oscillazioni ancora più ampie. Milano e Verona non hanno registrato alcuna variazione nel miglior prezzo disponibile, mentre lo stesso è diminuito a Firenze (-2,6%), Napoli (-8,5%) e Torino (-13,8%) ed aumentato a Roma (+1,6%) e, ancora una volta, a Palermo (+8,5%).

MENO POLIZZE FURTO – Emerge infine come la cresciuta età media del parco auto italiano influenzi la scelta di ricorrere o meno a coperture aggiuntive: più l'auto è vecchia, meno ci si preoccupa dei ladri di macchine. La garanzia su furto e incendio, chiaramente più adatta ad auto nuove, arriva quasi a dimezzarsi passando dal 21,18% di febbraio al 12,86% di maggio; quella sull'assistenza stradale, più comune fra i veicoli circolanti da diverso tempo, continua a crescere e viene richiesto oggi da quasi il 49% degli automobilisti che vogliono completare la loro polizza auto con una copertura aggiuntiva. E anche questo è un segno della crisi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?