Pressione pneumatici in inverno: quale valore e come regolarsi

La pressione delle gomme in inverno cambia in funzione della temperatura: ecco come regolarla e i consigli degli esperti

22 settembre 2020 - 15:19

La corretta pressione degli pneumatici in inverno non ha nulla a che vedere con gli pneumatici invernali: perché col freddo la pressione si abbassa a prescindere dal tipo di pneumatici. Come regolarsi con la pressione delle gomme in inverno? Ecco i consigli degli esperti e qualche trucco per regolare la pressione gomme in inverno senza compromettere la sicurezza di guida.

GOMME IN INVERNO PIU’ SGONFIE

La temperatura è indissolubilmente legata alla pressione, anche per gli pneumatici auto, è questo il motivo fondamentale che richiede regolare la pressione delle gomme a ogni cambio stagionale. Qui abbiamo spiegato perché col freddo la pressione delle gomme si abbassa, e quindi va controllata più spesso soprattutto quando le temperature diminuiscono parecchio. Con climi miti è sufficiente seguire le indicazioni sul libretto d’istruzioni dell’auto e gonfiare le gomme in base al carico. Se la temperatura scende parecchio però, la pressione delle gomme in inverno va aumentata di +0.1 bar ogni 10°C in meno di differenza tra interno ed esterno. Secondo uno dei maggiori produttori di pneumatici, per fare un esempio: temperatura interna garage +20°C (esterna -10°C), pressione raccomandata 2.2 bar (clima mite) – pressione corretta in inverno 2.5 bar.

PRESSIONE PNEUMATICI INVERNO: COME REGOLARLA

Perché aumentare la pressione gomme in inverno? Perché, a meno di controllare le gomme direttamente all’aperto, i locali garage-officina sono relativamente più caldi delle temperature invernali all’esterno sottozero. Se la pressione degli pneumatici viene misurata all’interno, risulterà di conseguenza troppo bassa per le temperature esterne. Attenzione però a non gonfiare eccessivamente le gomme se la pressione è regolata più alta nelle situazioni consigliate dall’ETRTO (Organizzazione Tecnica Europea per  Pneumatici e Cerchi). “Quando la macchina è sottoposta a condizioni di guida impegnative (per es. guida ad alta velocità per molto tempo, traino di un rimorchio o di un caravan, ecc.) si raccomanda di aumentare la pressione di gonfiaggio (a freddo) di 30kPa (0.3 bar) a meno che non ci siano indicazioni specifiche differenti nel libretto d’uso e manutenzione del veicolo”.

GONFIARE LE GOMME CON AZOTO

Gonfiare le gomme con azoto aiuta a limitare l’effetto della permeabilità della gomma, ma non evita i controlli alla pressione, men che meno in inverno. Secondo l’ETRTO, infatti, in normali condizioni d’uso, gonfiare le gomme con azoto è superfluo. In città o comunque in condizioni non estreme (come le competizioni motoristiche o macchine movimento terra) ci sono tante potenziali fuoriuscite di aria dalla gomma che richiederanno sempre e comunque un controllo regolare della pressione in inverno e in estate:

– perforazioni;

– accoppiamento cerchio/ruota;

– tallone;

– tenuta valvola/cerchio;

– etc.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trump – Biden: tasse e incentivi auto al centro delle elezioni USA 2020

Consiglio acquisto crossover: budget fino a 15.000 euro

Radiazione auto

Bollo auto non pagato: sanzioni, interessi e radiazione