ruota di scorta

La ruota di scorta è obbligatoria?

Domanda da 'scuola guida': la ruota di scorta è obbligatoria? Abbiamo spulciato il Codice della Strada per trovare eventuali riferimenti normativi, scoprendo che...

5 agosto 2020 - 16:00

Il Codice della Strada regola in molti modi l’uso degli pneumatici. Per esempio l’art. 237 del regolamento di attuazione ricorda che “devono essere in perfetta efficienza e privi di lesioni che possano compromettere la sicurezza”, mentre l’art. 192 CdS precisa che la polizia stradale può ordinare di non proseguire la marcia “qualora gli pneumatici presentino difetti o irregolarità tali da determinare grave pericolo per la propria e altrui sicurezza, tenuto anche conto delle condizioni atmosferiche o della strada”. Tuttavia spulciando tutti i commi del codice stradale non si trova alcun riferimento alla ruota di scorta, neanche nell’articolo 72 che elenca i dispositivi di equipaggiamento dei veicoli a motore e loro rimorchi. Quindi la ruota di scorta è obbligatoria o no?

OBBLIGO DELLA RUOTA DI SCORTA

La risposta, un po’ a sorpresa, è NO. La ruota di scorta non è necessaria per l’omologazione della vettura. Quindi si può liberamente circolare senza la presenza nel bagagliaio di uno pneumatico sostitutivo, non si rischiano multe o sanzioni di altro tipo. Ovviamente dove non arriva la legge può sopperire il buon senso. Per cui tutto sommato continuiamo a pensare che sia più prudente girare con una ruota di scorta, anche se non è obbligatorio. D’altra parte bisogna considerare che una recente indagine ha appurato che circa l’85% degli pneumatici di scorta resta inutilizzato per l’intero ciclo di vita di una vettura, con enorme spreco sia di gomma che di spazio all’interno dei veicoli, senza contare il maggior consumo di carburante dovuto al peso supplementare (si stima che in un’auto di medie dimensioni la ruota di scorta e l’attrezzatura per la sostituzione abbiano un peso medio di circa 20 kg).

PERCHÉ LA RUOTA DI SCORTA NON E PIÙ COSI IMPORTANTE

Oltretutto negli ultimi anni l’accentuata diffusione dei servizi di assistenza stradale H24 (che molte assicurazioni includono gratis nella RC auto), delle gomme anti-foratura e dei telefonini con i quali è diventato più semplice allertare i soccorsi, hanno reso quasi superflua, o comunque meno importante, la ruota di scorta, al punto che molte case automobilistiche neanche più la inseriscono tra le dotazioni di serie delle vetture in vendita.

ALTERNATIVE ALLA RUOTA DI SCORTA

Chi decide di rinunciare alla ruota di scorta può comunque contare su alternative sufficientemente valide che consistono nel kit di riparazione per le gomme (compressore + bomboletta con liquido sigillante), attraverso cui si possono riparare piccole forature e solo per il tragitto necessario a raggiungere il gommista o la stazione di servizio più vicina. Oppure nel ruotino di scorta, una gomma di dimensioni più ridotte (che quindi occupa meno spazio nel bagagliaio e pesa anche meno) pensata per un utilizzo limitato in attesa di procedere alla sostituzione dello pneumatico vero e proprio. Il ruotino esige una guida molto attenta, al punto che gli esperti consigliano di non superare mai gli 80 km/h (altri dicono 50 km/h). Alla luce di ciò, come detto in precedenza, noi riteniamo che sia sempre meglio dotarsi di una vera ruota di scorta. A patto però di saperla cambiare e, soprattutto, di tenerla sempre in perfetta efficienza, controllando periodicamente la pressione e lo stato di conservazione generale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete