Pirelli-Inter, il sodalizio porta la rete DRIVER sulla maglia

Il marchio della Pirelli sarà sponsor dell'Inter sulla maglia da trasferta. È un'operazione di marketing che mira all'espansione della rete

8 luglio 2015 - 15:18

La collaborazione tra la Pirelli e l'Inter è divenuta ormai storica, si avvia infatti verso la ventesima stagione (ventesimo anno) e diventa così la più lunga nella storia del calcio mondiale. L'annuncio del marchio Driver sulla maglia “bianca” dell'Inter è avvenuto stamane nel corso del ritiro del club nerazzurro a Brunico, in Trentino Alto Adige.   

QUESTIONE DI STRATEGIA – Per quale motivo Pirelli (sempre pronta ad investire in prodotti nuovi) ha deciso di “lasciare” la seconda maglia a Driver? Nessuno pensi ad un abbandono, anzi, si tratta di una classica strategia di marketing, che prevede dalla “Capogruppo” una forte e decisa espansione della rete Driver. Anche perché, ormai il calcio è un ottimo palcoscenico comunicativo e le maglie che indossano i giocatori lo sono ancora di più. Inoltre, nessuno pensi che la seconda maglia sia meno importante della prima. Da molti anni ormai non esiste più la netta distinzione tra prima, seconda e addirittura terza maglia…ciò che conta è vendere…un messaggio, un nome, una maglia.

DRIVER, IN TUTTA ITALIA – La rete Driver ha una presenza capillare in tutta Italia e conta oggi su quasi 400 punti vendita, in grado di offrire servizi intorno all'auto a 360°, dallo pneumatico più adatto alle esigenze di ogni consumatore a interventi di meccanica di vario genere. Tra questi figurano: convergenza, assetto, diagnosi, cambio olio e filtri, manutenzione dell'impianto frenante, ricarica del climatizzatore, riparazioni meccaniche, equilibratura, inversione pneumatici, montaggio pneumatici, ammortizzatori e cerchi. Inoltre Driver prevede anche l'automobile di cortesia, tagliandi e check up generali e lavaggio del mezzo. La presenza del logo Driver sulla seconda maglia dell'Inter rientra così nella strategia comunicativa a supporto dell'espansione della rete. Questo marchio rappresenta la duttilità e la flessibilità che Pirelli offre in svariati ambiti (compreso quello della sicurezza), alcuni non strettamente legati al mondo automobilistico.

LA MAGLIA – Diamo uno sguardo alla maglia che ospita il marchio di Pirelli: è ispirata alla divisa delle due stagioni più vincenti della storia del club nerazzurro, quella 1964-1965 e quella del Triplete 2009-2010. Avrà un fondo bianco con la banda nerazzurra orizzontale sul petto e un richiamo ai colori sociali sul colletto e sui fianchi. Tifosi dell'Inter, collezionisti, amanti del calcio e semplici curiosoni, da oggi sapranno qualcosa in più della rete Driver. Mettere un nome su una maglia di calcio porta ritorno…ne siete convinti? Crediamo proprio di si, così come crediamo che l'entrata di un Costruttore di pneumatici come Pirelli nell'ambito Campionato del Mondo di Formula Uno, abbia dato all'azienda italiana una notorietà maggiore e una spinta in più per “farsi largo” tra la concorrenza. Già, dicono che lo sport fa bene, sicuramente!…A quanto pare aiuta anche in questo!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici