Parabrezza auto: esistono davvero i vetri di seconda scelta?

Se un parabrezza non ha il logo è difettato? Scopri tutta la verità sui vetri auto di seconda scelta

18 aprile 2016 - 13:37

Per molti automobilisti che si recano in officina per sostituire un parabrezza o un cristallo rotto, montare un vetro senza il logo della Casa equivale quasi ad esporre un quadro senza firma. Il motivo alla base di questa convinzione è spesso legato al mito dei vetri di seconda scelta, scartati dalle Case costruttrici di auto perché difettosi. Tra le richieste di chiarimento dei lettori, i dubbi più frequenti sono “un vetro senza logo è difettato?” “come posso accorgermi se il parabrezza ha dei difetti di produzione?”. Abbiamo incontrato i tecnici Carglass-Beron che ci mostrano nel video sotto quali sono i test di qualità nella produzione, nel trasporto e nel montaggio di un parabrezza. Scopri molto altro ancora sul parabrezza auto nel nostro #SicurEDU che, attraverso testi e video, vi aiuta ad orientavi nella riparazione e nella sostituzione di un parabrezza auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Consiglio acquisto auto 7 posti: budget fino a 35.000 euro

Le aziende che hanno investito di più nella guida autonoma di Uber

Le 10 città dove si può morire per le emissioni auto in Europa