Opel camuffa la nuova Astra, ma già si riconosce "diversa?

Giunta all'undicesima generazione, punterà sulla personalità del nuovo design, peserà di meno, sarà più efficiente e avrà più abitabilità

26 maggio 2015 - 15:00

Si tratta delle promesse fatte dalla Opel, che nel mese di maggio è tornata a parlare della nuova Astra, la compatta che ormai è giunta all'undicesima generazione e che vedrà il debutto internazionale al prossimo Salone di Francoforte(17-28 settembre 2015). Certo, fino ad ora abbiamo potuto soltanto curiosare immagini e video della vettura che “macina” chilometri tutta camuffata, eppure l'Opel tiene molto a questa fase.

SICURI DEL PRODOTTO – Vi starete probabilmente chiedendo: “come mai?” C'è solo una risposta, oltre al fatto di creare attesa verso un modello. Evidentemente (e pare proprio sia così) tutti gli addetti ai lavori di Opel sono sicurissimi della bontà del loro prodotto. Diramando immagini e filmati relativi i collaudi dei prototipi la Casa tedesca vuole sottolineare l'importanza delle fasi di ricerca e sviluppo, e approfitta dell'occasione per ricordare anche l'impegno rivolto alle “camuffature” che, come nel caso dell'Astra, si basano su tecniche speciali, compreso l'utilizzo di pellicole tridimensionali utili per nascondersi dai fotografi.

QUALI NOVITA' PORTA LA NUOVA ASTRA? – Non vi portiamo fuori strada, vi raccontiamo ciò che abbiamo saputo per sentito dire da fonti comunque sicure e dalla Opel stessa. Premesso che fra pochissime settimane dovrebbero uscire le immagini ufficiali (pertanto di design ne riparleremo in seguito), la nuova Astra ha subito una diminuzione del peso di circa 120 kg, avrà il nuovo 1.4 litri Turbo della famiglia SGE, mentre alla base della gamma ci sarà anche il piccolo 1.0 litri Turbo a tre cilindri in sostituzione dell'ormai sì collaudato, ma vecchio, 1.6 litri aspirato. Tra le dotazioni che daranno maggiore appeal alla nuova Astra spiccano i gruppi ottici anteriori Matrix Led, con gestione automatizzata degli abbaglianti e il sistema d'infotainment aggiornato con funzionalità di ultima generazione e integrazione dei servizi OnStar.

NUOVO SGUARDO, NUOVA LUCE – Vogliamo soffermarci sulla nuova tecnologia IntelliLux, che Opel, sempre più proiettata al futuro, presenterà al Salone di Francoforteinsieme alla nuova Astra. Si tratta di un sistema che controlla attivamente l'accensione dei 16 LED, con l'ausilio di una telecamera frontale, che compongono i gruppi ottici anteriori (8 per ogni faro) in modo da non abbagliare chi proviene in direzione opposta o chi viaggia nello stesso senso di marcia. Il sistema rileva quando il veicolo lascia un centro urbano, anche se l'automobile non avrà il navigatore satellitare, e attiva in automatico gli abbaglianti per garantire una migliore visibilità in scarse condizioni di luce. Opel afferma che si tratta di un miglioramento notevole per la sicurezza perché, secondo gli studi condotti dal Politecnico di Darmstadt a velocità di 80 km/h, chi guida si accorge degli oggetti presenti sul lato della strada con circa 30 – 40 metri di anticipo rispetto a chi usa i tradizionali anabbaglianti alogeni o allo xeno (significa avere 1,5 secondi in più per reagire). Opel sottolinea come questa tecnologia renda più semplice anche il lavoro dei designer che non dovranno più modellare la linea delle auto per alloggiare complessi e costosi sistemi di controllo attivo dei fari: il vantaggio è tutto per la libertà di design!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-fuel insufficienti: copriranno il 2% delle auto ICE nel 2035

Telepass per pagare il Traghetto Stretto di Messina: come funziona?

San Gottardo: non siamo pronti agli incendi di camion elettrici