Alfa Romeo è Top Luxury Brand nella classifica JD Power

Alfa Romeo è il Brand Premium che riesce meglio a soddisfare i clienti USA nell’esperienza di acquisto, anche più di Porsche

11 novembre 2022 - 11:00

Il piano di Sergio Marchionne era chiaro, ridare prestigio e successo al brand Alfa Romeo in Italia e negli USA, dove la concorrenza locale e dei marchi tedeschi premium è forte. L’indagine di JD Power è la conferma che la strategia avviata dal manager si è dimostrata efficace. Alfa Romeo supera i brand tedeschi nella classifica Sales Satisfaction Index Study 2022. Ecco le Case auto e i Brand più bravi nel soddisfare i clienti nell’acquisto dell’auto nuova.

ALFA ROMEO IN TESTA NELL’INDAGINE JD POWER SULLA SODDISFAZIONE CLIENTI

Secondo JD Power, Covid, shortage dei componenti e crisi delle materie prime hanno creato delle forti interferenze nel rapporto tra acquirenti e Case auto. Per la prima volta in 10 anni, la soddisfazione media dei clienti con l’acquisto delle auto nuove negli USA è diminuita a 786/1000 (era 789 nel 2021). Questa tendenza si è acuita nel 2022 a causa del continuo ridimensionamento delle scorte. Nel 2021 i concessionari avevano mitigato l’insoddisfazione creata dall’aumento dei prezzi accettando permute a condizioni più vantaggiose. Nel 2022 questo cuscinetto si è assottigliato a causa della scarsità delle scorte di auto nuove da consegnare. “Poiché l’approvvigionamento è un problema continuo e senza una soluzione a breve termine, i concessionari hanno dovuto utilizzare strumenti aggiuntivi a loro disposizione – dichiara Chris Sutton, vicepresidente del settore automobilistico di JD Power – come ordini speciali e una gestione più personale dei clienti per mantenere la soddisfazione delle vendite”.

CLIENTI EV PIU’ INSODDISFATTI: 4 SU 10 NON RICEVONO INDICAZIONI SULLA RICARICA

Lo studio 2022 sull’indice di soddisfazione delle vendite negli Stati Uniti si basa sulle risposte di 36.879 acquirenti che hanno comprato o noleggiato un veicolo nuovo da marzo a maggio 2022. Oltre a stabilire quali brand hanno generato maggiore soddisfazione nei clienti, dalle risposte emergono altri aspetti rilevanti:

– gli acquirenti di veicoli elettrici (mass market) continuano ad avere esperienze meno soddisfacenti rispetto agli acquirenti di veicoli tradizionali (791 contro 847);

– risultano in media più soddisfatti gli acquirenti che hanno acquistato un veicolo nuovo su ordinazione, rispetto a quelli che si sono accontentati di un veicolo in pronta consegna (854 contro 841). Ma in tal caso è probabile che non si sono verificati i ritardi delle consegne auto come in Italia; qui spieghiamo cosa fare;

– il 38% degli acquirenti di veicoli elettrici non ha ricevuto istruzioni sulla ricarica prima di lasciare la concessionaria. Questo ha condizionato la soddisfazione sia per i brand premium (da 872 scende a 709), sia per il mass market (da 835 scende a 717).

“Spiegare come caricare un’auto elettrica dovrebbe essere una fase imprescindibile della consegna dei veicoli elettrici”, ha affermato Sutton. “I venditori non hanno bisogno di mostrare agli acquirenti di veicoli ICE come fare il pieno, ma devono mostrare agli acquirenti di veicoli elettrici come caricare il loro veicolo”.

ALFA ROMEO SUPERA PORSCHE TRA I BRAND PREMIUM NEGLI USA

Le domande sulla soddisfazione dei clienti riguardano diverse fasi del processo di acquisto dell’auto nuova suddivise in 6 aree chiave:

– processo di consegna (26%);

personale delle concessionarie (24%);

– esito della trattativa e acquisto (19%);

– completamento delle pratiche burocratiche (18%);

– struttura della concessionaria (10%);

sito web della concessionaria (4%);

Sono queste le valutazioni che hanno portato in testa ai Brand Premium più soddisfacenti Alfa Romeo (833), davanti a Porsche (831) e Lexus (819). Nella classifica Mass Market invece Buick (825) precede Dodge (816) e Subaru (804). Clicca le immagini sotto per vederle a tutta larghezza.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori