Multe, «tesoretto» da 1 miliardo e mezzo. Lo rivela il Sole24Ore

Crescono del 16% in un anno le contravvenzioni per violazioni al codice della strada. In testa c'è FirenzeMILANO - Le contravvenzioni per le violazioni al codice della strada sono il vero...

26 febbraio 2008 - 16:57

Crescono del 16% in un anno le contravvenzioni per violazioni al codice della strada. In testa c'è Firenze

MILANO – Le contravvenzioni per le violazioni al codice della strada sono il vero «tesoretto» dei Comuni italiani. Più ancora dell'Ici sulla prima casa, che in questi tempi di campagna elettorale viene messa in discussione. I sindaci di tutta Italia devono fare quadrare i conti, con i bilanci che soffrono sempre di più delle cure dimagranti imposte dall'amministrazione centrale nel campo dei trasferimenti erariali. E per questo, forse, guardano alle multe come ad una fonte certa di entrate capace di fare evitare gli spareggi. Con il risultato che la maggiore attenzione prestata al rispetto delle norme stradali finisce per costare ad ogni automobilista italiano una media circa 41 euro.

L'ESCALATION – I conti li ha fatti il Sole 24 Ore, che nell'inchiesta che apre l'edizione del lunedì spiega come nel 2006, anno a cui si riferiscono gli ultimi dati disponibili, l'incremento degli introiti per contravvenzioni sia stato del 16% rispetto al 2005. E come in un arco di 5 anni, dal 2001 in avanti, la crescita sia stata addirittura del 76%. E parlare di «tesoretto» non è allora così sbagliato, considerando che la massa delle multe porta a introiti complessivi per circa un miliardo e mezzo di euro, a cui si aggiungono i 237 milioni incassati per le contravvenzioni elevate da polizia stradale, carabinieri e guardia di finanza.

LA GRADUATORIA – Il Sole ha stilato anche la graduatoria delle città dalla multa più facile e risulta che tra i 104 capoluoghi di provincia italiani è Firenze quella che ha attinto maggiormente dalle tasche degli automobilisti. All'ombra del campanile di Giotto ogni abitante ha pagato mediamente in un anno la bellezza di 117 euro, vale a dire circa tre volte di più rispetto alla media nazionale. Subito dietro ci sono Caserta, Roma, Brescia e Milano. Per contro, la città meno esigente con chi guida risulta essere Pescara: la media delle infrazioni pagate da ciascuno dei suoi abitanti è infatti di un solo euro. E su valori simili Brindisi, che si piazza al 103esimo posto con 1 euro e dieci per abitante.

GLI INCREMENTI MAGGIORI – Il quotidiano economico ha preso in considerazione anche gli incrementi percentuali registrati da un anno con l'altro. E in questo caso spicca il dato di Verona che nella classifica generale è solo al 12esimo posto, con una media di 63,1 euro pagati da ogni abitante, ma che rispetto al 2005 ha fatto registrare una crescita nelle contravvenzioni addirittura del 131%. Mai come Catania (+200%), Crotone (+217%) o Oristano (+192%) dove però, nonostante i superaumenti, le quote pro-capite pagate per le multe sono al di sotto della media nazionale, rispettivamente 31, 24 e 9,7 euro (e quest'ultimo numero fa di Crotone la 96esima città capoluogo nella graduatoria generale).

IL CASO FIRENZE – A differenza di quanto avviene con le imposte, le contravvenzioni non colpiscono solo i residenti. «Ma il rapporto con la popolazione – si spiega nell'articolo del Sole – è indispensabile per misurare le somme accumulate sulla base della dimensione del Comune. Al di lá dei tecnicismi, insomma, l'indicatore misura l'intensitá dell'attivitá sanzionatoria di polizia municipale, autovelox e telecamere». E per quanto riguarda la posizione di testa conquistata da Firenze, il quotidiano diretto da Ferruccio de Bortoli dà la parola direttamente aglia mministratori di Palazzo Vecchio: «Va detto -ha spiegato al giornale Tea Albini, assessore fiorentino al Bilancio – che ogni giorno raddoppiamo la popolazione, e la maggioranza delle multe riguardano i non residenti. Le multe partono soprattutto dalle telecamere ai varchi dell'ampia ztl e dai foto-red installati ai semafori che hanno ridotto drasticamente i tanti incidenti legati al passaggio con il rosso».

fonte

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo