Al Motor Show di Bologna protagonista l'innovazione tecnologica

Autostrade per l'Italia promuove le innovazioni e ce le racconta al Motor Show di Bologna che si svolgerà dal 3 all'11 Dicembre 2011

10 novembre 2011 - 10:25

Dal 03 al 11 Dicembre, presso il celebre Motor Show di Bologna, Salone Internazionale dell'Automobile, sarà protagonista l'innovazione. Quest'anno infatti, tra le aree più interessanti, spicca proprio quella dedicata allo sviluppo tecnologico dove, Autostrade per l'Italia S.p.A., in collaborazione con Anfia, Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica, ha allestito un completo spazio informativo.

INNOVATION HALL – “Innovation Hall” è il nome è il nome di questa iniziativa che potrete trovare presso il padiglione 25 dove è stata allestita una scenografia suggestiva che permetterà ai visitatori di sentirsi come in un'autostrada del futuro. In questo contesto, l'azienda italiana illustrerà le migliorie e le tecnologie più innovative previste in materia di sicurezza, ambiente, infomobilità, infotainment, infrastrutture e servizi per gli automobilisti.

INFORMARE ED EDUCARE – Autostrade per l'Italia ha previsto, inoltre, un'area speciale chiamata Agorà, dove sarà possibile apprezzare i progetti di Centri di Ricerca, Università, Politecnici e Aziende e discuterne attraverso incontri, convegni e conferenze stampa. Quest'isola di comunicazione e confronto permetterà ai visitatori di toccare con mano, in anteprima, quello che saranno le strade e autostrade dei prossimi anni così come i servizi di supporto e informazione che agevoleranno la sicurezza stradale degli automobilisti. 

FUTURO PROSSIMO – Giovanni Castellucci, AD di Autostrade per l'Italia, racconta quali siano i piani di sviluppo dell'Azienda in Italia e all'estero. In Francia per esempio, la Società si è aggiudicata una gara d'appalto che le permetterà di realizzare e gestire tutto il sistema di pedaggio satellitare (Eco Taxe Poids Lourds), previsto per i mezzi pesanti, superiori alle 3,5 tonnellate, in transito su circa 15.000 chilometri di rete stradale francese. Questo dovrebbe, almeno in parte, ridurre i disagi dovuti al traffico delle merci su gomma. Quest'importante progetto verrà realizzato dal consorzio Ecomouv Sas cui partecipano Autostrade per l'Italia al 70% ed i gruppi industriali francesi Thales al'11%, Sncf al 10%, Sfr al 6% e Steria al 3%. Oltre a parlare dell'avvenire, Castellucci ricorda anche la storia dell'azienda e della mobilità italiana nei trascorsi 50 anni, citando:

  • Autostrade Tech, spin off tecnologico di Autostrade per l'Italia volto allo sviluppo hardware e software per la gestione della rete autostradale (controllo del traffico, flotte, mezzi neve e cantieri) per il monitoraggio delle strutture presenti sul percorso stradale e per le tecnologie di pagamento (quindi parcheggi e pedaggi).
  • Telepass, il celebre metodo di pagamento del pedaggio che ha permesso lo scioglimento degli enormi ingorghi al casello.
  • Infoblu, che dal 2000 ad oggi comunica, in tempo reale, la situazione del traffico (tramite Internet, Telefonia, Navigatori ed applicazioni mobile dedicate).

Ci si aspettiamo dunque di essere piacevolmente sorpresi dalle innovazioni di Autostrade per l'Italia, con la speranza che, la sicurezza stradale e la cura per l'ambiente, siano una reale priorità nello sviluppo delle nostre vie di comunicazione.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

App parcheggio auto per trovare posto e pagare: la guida completa

Auto usate: +9% degli scambi tra privati da inizio 2022

Gomme invernali 215/55 R17: la classifica di Auto Bild