Mercedes nuova Classe E, più intelligente e più automatica della S

Le vetture della Stella rilanciano ancora: la nuova Classe E sale un ulteriore gradino nella scala che porta alla guida autonoma

26 giugno 2015 - 9:00

Non è una cosa imminente ma le automobili prenderanno sempre più l'iniziativa, aiutando il guidatore nelle emergenze ed eventualmente sostituendolo in toto nella gestione della guida. Il processo, almeno per Mercedes, sarà graduale e a testimoniarlo ci sono le caratteristiche dell'attuale produzione e le notizie sui modelli futuri, come la nuova Classe E.

VEICOLI AUTOMATICI E GUIDATORI UMANI – Il tema delle automobili a guida autonoma è sempre più sulla cresta dell'onda, per vari motivi. Il clamore (e anche le polemiche) suscitati da questi veicoli sono anche strumenti di marketing mentre le notizie vengono usate dai media per ingolosire i lettori e fare audience ma dietro agli scoop ci sono questioni non semplicissime. Se il guidatore umano non guida (scusate il gioco di parole) sarà o no responsabile per un eventuale sinistro? E se non sarà lui/lei, chi dovrà indennizzare: lo sviluppatore del software di controllo o il gestore della strada perché in quel momento il “semaforo intelligente” si era momentaneamente rimbambito? Come ci si regolerà in caso di sinistro fra un veicolo con guidatore umano (ovviamente il parco sarà “ibrido” per diversi anni) ed uno automatico? In questo settore dai confini, anche legislativi, così incerti (del resto i veicoli autonomi semplicemente non sono mai esistiti) Mercedes ha un comportamento piuttosto lineare e realista.

A PASSI CALIBRATI VERSO IL FUTURO – Non mancano prototipi futuribili come la Mercedes F 015, presentata ad un evento – il CES di Las Vegas – che una volta era solo il regno dell'elettronica e dell'informatica ma i vari step decisi a Stoccarda, sicuramente anche in base agli input che provengono dal futuristico centro ricerche del Gruppo a Sunnyvale, in piena Silicon Valley, appaiono ponderati. Già oggi la Classe S Coupé guida quasi da sola, anche se in determinate situazioni. Attualmente i suoi sistemi riescono a gestire la guida in mezzo al traffico a bassa velocità e su strade con curve dolci e impediscono cambi di corsia in autostrada qualora un'altra vettura sia nel blind spot degli specchietti. Una versione più avanzata della tecnologia Steering Assist è previsto che debutti nella berlina tecnologica Classe E, della quale si conoscono ora maggiori dettagli. La nuova media di Stoccarda avrà infatti un'implementazione più evoluta dello Steering Assist che riuscirà a gestire autostrade e strade extraurbane con curve più accentuate. Il sistema regolerà automaticamente la velocità in base alla segnaletica stradale e attualmente Mercedes ha mostrato come il esso funzioni fino ad una velocità di circa 130 km/h.

GUIDA LEI MA CONTROLLA CHE TU SIA SVEGLIO – Molto evoluto sarà anche il sistema di evitamento degli ostacoli: se una persona o un oggetto invadono improvvisamente la corsia, il sistema può arrestare completamente il veicolo. In alternativa esso può manovrare per evitare l'ostacolo, riprendendo poi la direzione originaria; il tutto per velocità fino a 65 km/h. Notiamo come il sistema, sia per regolamenti sia per limiti dell'attuale tecnologia, richieda al conducente di poggiare le mani sul volante periodicamente per verificare che esso sia vigile e in grado di prendere il controllo della situazione. In ogni caso, con l'auto a fare il grosso del lavoro, quest'incombenza dovrebbe essere tutt'altro che faticosa. Il conducente verrà avvertito anche nel caso di condizioni meteo severe e segnali stradali inconsueti, come quelli dei cantieri stradali, e lo stesso avverrà se viene rilevata una curva molto stretta. La nuova Classe E dovrebbe essere annunciata verso la fine dell'anno con la presentazione che probabilmente avverrà nel gennaio del 2016 al Detroit Auto Show.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?