Mercedes 9G-TRONIC, ecco il cambio automatico a 9 marce

Mercedes ha sviluppato un nuovo cambio automatico a 9 marce, che debutta sulla E 350 BlueTEC

30 luglio 2013 - 11:07

Nella gara ad aumentare il numero di rapporti disponibili, Mercedes ha vinto la volata della tappa “9 marce”. Non è un mistero, infatti, che ZF insieme ad altri costruttori, stiano sviluppando trasmissioni con lo stesso numero di rapporti. Il cambio Mercedes si chiama 9G-TRONIC ed è stato interamente progettato dalla Casa di Stoccarda, che può contare su 50 anni di esperienza e oltre 22 milioni di cambi automatici prodotti. È già pronto per il debutto, che avverrà sulla Mercedes-Benz E 350 BlueTEC, con motore 3.0 V6 turbodiesel, che consuma in media solo 5,3 litri di gasolio per 100 km. Il 9G-TRONIC è stato studiato per essere compatibile con la trazione posteriore, integrale, ibrida e anche ibrida plug-in; nei prossimi anni verrà utilizzato quasi su tutti i modelli a motore longitudinale.

COMPATTO E LEGGERO – Gli ingegneri addetti allo sviluppo del nuovo cambio automatico a 9 rapporti hanno prestato particolare attenzione anche alla questione della costruzione leggera compatta. Nonostante due rapporti in più e una coppia massima trasferibile che può raggiungere i 1.000 Nm, il cambio ha un ingombro minore rispetto al precedente oltre ad essere più leggero. La bipartizione della scatola del cambio è stata mantenuta: la scatola del convertitore è in alluminio leggero, mentre quella del cambio con coppa dell'olio in materiale sintetico di peso ottimizzato è in una lega di magnesio ancora più leggera. 

EFFICIENTE E SILENZIOSO – Il 9G-TRONIC Mercedes ha un innovativo 'innovativo comando diretto, che consente tempi di innesto brevi e appena percepibili. La combinazione di doppio ammortizzatore torsionale e tecnologia a pendolo centrifugo nel convertitore, comporta cambi marcia senza scossoni. Grazie all'ampia spaziatura dei rapporti, si raggiungono velocità più elevate a regimi più bassi. Per fare un esempio concreto, in 9ª marcia a 120 km/h il regime del motore è di 1.350 giri/min, a tutto vantaggio, oltre che dei consumi, della rumorosità interna ed esterna. Il cambio automatico 9G-TRONIC utilizza solo quattro treni planetari e sei elementi di comando. Tre sensori del numero di giri monitorano il funzionamento e forniscono i dati necessari per la massima efficacia di innesto. In questo modo in fase di accelerazione o decelerazione è possibile saltare più di una marcia per innestare quella desiderata.

LUBRIFICAZIONE ON-DEMAND – Inoltre, è dotato di due pompe, in modo che l'apporto di olio leggero sintetico Fuel Economy di 2ª generazione, resistente al taglio e di lunga durata, sia affidabile e allo stesso tempo molto efficiente dal punto di vista energetico. La pompa principale meccanica con struttura disassata ridimensionata e azionamento a catena è posta accanto all'albero primario ed è affiancata da una pompa supplementare elettrica separata. Questa struttura, da un lato permette di regolare attivamente la portata volumetrica di olio lubrificante e di raffreddamento in funzione del fabbisogno e, dall'altro, rende il 9G-TRONIC compatibile per la funzione start/stop. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)