Mercato auto: col capodanno cinese le Case fanno il botto

L'entusiasmo cinese per il Capodanno Lunare ha reso felici i costruttori d'auto a gennaio, ma gli analisti suggeriscono prudenza

22 febbraio 2016 - 9:30

In vista di ogni Capodanno Lunare i consumatori cinesi sono soliti effettuare acquisti consistenti, si cambiano le tv, i grandi elettrodomestici e anche le automobili. Sulla scia di questo frenetico entusiamo sono stati venduti in gennaio 2.3 milioni di veicoli tra suv, minivan e berline, ma per gli analisti è solo un fuoco di paglia.

FOLLIE DI CAPODANNO, MA GLI ANALISTI FRENANO GLI ENTUSIASMI – Il mese che anticipa il Capodanno Lunare in Cina solitamente fa registrare i migliori numeri dell'anno ai venditori d'auto. E così sembra essere stato, visto il numero di immatricolazioni effettuate lo scorso Gennaio (il Capodanno è caduto di Febbraio) che ha fatto schizzare a +9.3% le vendite rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Considerata la dimensione del mercato orientale, oltre 20 milioni di vetture, si tratta di un dato eccellente. Ma gli analisti di IHS Automotive (azienda di consulenza internazionale per il settore automotive) senza mezzi termini precisano che si tratta di una vampata di entusiasmo e che il mercato cinese tornerà a ridimensionarsi (leggi i dubbi degli analisti sul futuro della Cina).

ANALISTI CAUTI SUL 2016, MA I COSTRUTTORI PENSANO POSITIVO – Salvato in corner dall'intervento del Governo di Pechino, il comparto auto cinese ha subito una pesante flessione durante la scorsa estate, recuperando terreno grazie a bonus fiscali e incentivi. Per gli esperti di IHS la crescita nel 2016, alimentata dalla scia ottimistica di fine anno (leggi i record 2015 di vendita Ford e GM) e dai botti del Capodanno Lunare, potrà attestarsi intorno al 6.3%. Più ottimistica è la previsione fatta dall'associazione dei produttori automobilistici (China Association of Automobile Manufacturers) la quale ambisce a raggiungere, per l'anno in corso, 22,76 milioni di vetture, pari a una crescita del 7.8%.

LE CASE OCCIDENTALI FESTEGGIANO L'ANNO DELLA SCIMMIA – Il 2016 è iniziato alla grande un po' per tutti i costruttori stranieri operanti in Cina; confrontando i dati di vendita con quelli di Gennaio 2015 scopriamo che General Motors ha piazzato 421.000 auto in più (+7.3%), il Gruppo Volkswagen (leggi 4 miliardi di investimenti VW in Cina) ha ottenuto il proprio record assoluto con 400.100 vetture vendute in un solo mese (+13,9%). Bene hanno fatto anche i giapponesi di Toyota, riuscendo a collocare 125.000 vetture (+32%). Nonostante le prospettive di crescita siano decisamente ridotte rispetto ai numeri dell'ultimo decennio, i maggior brand internazionali continuano a investire sul mercato cinese e a consolidare la propria presenza sulla ricca piazza orientale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto Ibride o Ibride Plug-in: quale conviene e come scegliere?

Prestiti personali

Prestiti personali: il 22,2% li chiede per auto nuove o usate

Toyota richiama 6 modelli: chiamata di emergenza eCall difettosa