Mega richiamo Toyota: coinvolte 5,8 milioni di auto per gli airbag

Nuovo consistente richiamo per Toyota, continua la campagna di bonifica per togliere dalle auto i pericolosi airbag Takata a rischio d'esplosione

27 ottobre 2016 - 10:00

Lo scandalo degli airbag Takata somiglia sempre più a una voragine senza fondo, quando sembra che la vicenda stia per volgere al termine ecco riaprirsi un nuovo fronte. Le dimensioni di quello che ormai si può definire come il più grande pasticcio nella sicurezza del settore automotive sono ormai epocali e vi si aggiungono oggi altri 5.8 milioni di vetture a marchio Toyota distribuite tra Europa, Cina e Giappone. Tra i modelli interessati anche la popolare Toyota Yaris.

RICHIAMO PER MODELLI AD ALTA DIFFUSIONE Secondo la nota del costruttore giapponese, riportata dal magazine Autonews, ad essere interessate dal nuovo richiamo sono 1.47 milioni di vetture in Europa, 1.16 milioni in Giappone e 820 mila in Cina. La restante parte di veicoli sono stati venduti in Centro e Sud America, in Africa, in Medio ed Estremo Oriente (Leggi Toyota a quota 15 milioni di richiami a marzo 2016). Tutte le vetture che dovranno tornare in officina sono state prodotte dal maggio 2000 al novembre 2001, dall'aprile 2006 al dicembre 2014. I 5.8 milioni di veicoli di questo nuovo maxi richiamo sono in gran parte modelli a larga diffusione come la Corolla, l'utilitaria Yaris, il pickup Hilux e le berline compatte Etios.

SI CONTINUA A GUIDARE CON UNA BOMBA TRA LE MANI Il difetto riscontrato è ormai tristemente noto e sappiamo bene che il suo verificarsi può causare danni fisici, anche mortali, e innescare incidenti stradali. Le automobili che dovranno tornare in officina saranno sottoposte a un intervento di sostituzione dei moduli airbag per conducente e passeggero. I moduli attualmente installati contengono un composto chimico reso altamente instabile da possibili infiltrazioni di umidità o da una lunga esposizione a temperature elevate. Il rischio è una esplosione incontrollata del modulo che può proiettare frammenti metallici all'interno dell'abitacolo (Incredibilmente alcuni costruttori continuano a montare airbag Takata difettosi su auto nuove).

RICHIAMO PER AUTO GIA' RICHIAMATE? Secondo Autonews nel computo dei veicoli da richiamare potrebbero rientrare anche automobili già sottoposte alla sostituzione degli airbag; sembrerebbe che una partita di pezzi di ricambio sia stata confezionata con il composto chimico a rischio. A livello mondiale lo scandalo Takata interessa circa 100 milioni di veicoli e ad esso sono riconducibili 16 decessi e circa 150 feriti. Il produttore giapponese degli airbag è da tempo alla ricerca di finanziatori che possano supportarlo in quello che si prospetta come uno dei più grandi risarcimenti danni e scongiurarne la bancarotta. I clienti Toyota che dovranno portare la propria auto in officina riceveranno una comunicazione da parte del costruttore (Scopri come controllare se la tua auto è da richiamare, leggi qui).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage