Mega richiamo FCA USA: 1,25 milioni di pickup con airbag disattivati

Gli airbag dei pickup RAM potrebbero non attivarsi in caso d'incidente, FCA corre ai ripari e manda in officina 1.25 milioni di veicoli made in USA

15 maggio 2017 - 9:00

Si torna a parlare di richiami legati ad anomalie di funzionamento degli airbag, non si tratta questa volta dell'ennesimo caso legato al famigerato costruttore giapponese Takata. I “palloni” questa volta sono un grattacapo per la divisione USA di FCA e la faccenda sembra essere piuttosto seria, in rete si parla di un incidente mortale e di almeno altri due feriti riconducibili, secondo le fonti, alle anomalie di funzionamento degli airbag. È stato annunciato il richiamo per 1.25 milioni di pickup del Gruppo Fiat Chrysler Automobiles, gli airbag delle vetture interessate potrebbero non attivarsi quando necessario, scopriamo quali sono le cause.

AIRBAG CHE NON SI APRONO, COLPA DEL SOFTWARE Molti degli ultimi i richiami indetti dalle Case costruttrici hanno riguardato anomalie nel funzionamento agli airbag; gran parte di essi è legata agli airbag killer Takata, una vicenda ormai entrata, negativamente, nella storia dell'automobilismo moderno (Leggi qui le differenti valutazioni del caso Takata in USA e in Europa), ma in alcuni casi il malfunzionamento dei dispositivi di sicurezza è stato causato da difetti non riconducibili al produttore nipponico. È il caso dei pickup RAM, marchio di proprietà FCA, nei quali un errore software rischia di compromettere l'apertura degli airbag laterali e la funzionalità del pretensionatore delle cinture di sicurezza. Si tratta di problema analogo a quello patito da 4.3 veicoli GM, rientrati in officina per la riprogrammazione del software di gestione degli airbag (Rimani aggiornato sui Richiami Auto, qui trovi tutte le ultime news).

PRIMO CASO ANOMALO LO SCORSO DICEMBRE Come riportato dall'agenzia di stampa Reuters, FCA ha iniziato a studiare il fenomeno già lo scorso dicembre, quando ha ricevuto una notifica riguardo a un pickup Ram coinvolto in un incidente stradale e nel quale gli airbag non sono riusciti a dispiegarsi come previsto. L'agenzia fa riferimento inoltre a un decesso e due feriti in seguito a incidenti e le cui cause sarebbero riconducibili proprio a questa anomalia dei sistemi di sicurezza. Un portavoce della Casa costruttrice ha dichiarato che la probabilità che si verifichino incidenti è molto bassa, sarebbe infatti necessaria una fatale combinazione di eventi difficilmente riproducibili.

TUTTI I NUMERI DEL RICHIAMO AIRBAG Operando in maniera proattiva la Casa ha annunciato il richiamo di 1.02 milioni tra RAM 1500 e 2500 prodotti dal 2013 al 2016 e RAM 3500 prodotti dal 2014 al 2016, tutti venduti negli USA. A questi si aggiungono 216.007 veicoli venduti in Canada, 21.668 venduti in Messico e 21.530 venduti fuori dal Continente Americano. Secondo un portavoce del costruttore il richiamo dei modelli, per i quali è previsto un fix di riprogrammazione software, inizierà il prossimo giugno. Reuters sottolinea quanto sia stata rapida FCA nel gestire questo richiamo e fa riferimento alle due pesanti multe prese dal costruttore nel 2015 (Qui puoi leggere tutto sulla maxi multa della NHTSA a FCA) in relazione all'imperfetta gestione di campagne di richiamo e all'omessa comunicazione di decessi avvenuti in incidenti imputabili ad anomalie dei veicoli (E' costata a FCA 70 milioni l'omissione sugli incidenti, leggi qui).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Brand auto: oltre 1 su 2 ricompra Toyota. La classifica 2022

Polizze RC auto 2022: solo il 14,4% sono stipulate online

FIA lancia Drive with Care per la sicurezza stradale nel mondo