Maxi richiamo FCA negli USA: 1,5 milioni di auto con noie all'airbag

Continua la "battaglia? dei richiami del Gruppo italiano in America; stavolta nel mirino ci sono i Ram, che da noi non sono commercializzati

11 settembre 2015 - 11:33

E' notizia di poche ore quella che vede alla ribalta un maxi richiamo di 1,5 milioni di automobili che Fca ha “fatto rientrare” negli Usa per difetti allo sterzo e agli airbag. Prosegue così la telenovela dei richiami del Gruppo italiano in America; vicende di multe salate da pagare per inadempienze, azioni di hackeraggio su vetture Jeep e problemi tecnici non lasciano in pace Fca, che continua comunque inarrestabile la sua scalata nel mercato Usa.

I RAM SOTT'OCCHIO – Qualche giorno fa, parlando con un dirigente di Fca in merito alle tante ore di lavoro svolte, una sua espressione mi ha fatto sorridere e mi è tornata in mente quando sono venuto a conoscenza di questa notizia. “Caro mio – mi disse l'uomo Fca – tanti marchi, in tanti Paesi, tanto lavoro e tanti problemi da risolvere. Quanto avrei voluto fare questo lavoro cinquanta anni fa!” E già, immagino si riferisse soprattutto ai tanti problemi, il resto dell'espressione è abbastanza esplicita. Torniamo alla notizia: Fca ha emesso tre avvisi di richiamo, ma tra questi il primo è quello più grande in termini numerici. Si tratta di 1,06 milioni di Ram 1500, 2500, 3500, 4500 e 5500 nelle diverse versioni dei model year 2012-2014, commercializzati in Usa, anche se potrebbero essere sottoposti a richiamo anche 235.925 esemplari venduti in Canada, 26.543 in Messico e 23.635 al di fuori della regione Nafta. I veicoli che rientreranno “a casa” subiranno il controllo e la sostituzione dei cablaggi dello sterzo, che per effetto di un contatto con una molla potrebbero causare un corto circuito con la conseguente esplosione inavvertita dell'air bag del lato guida (qui la nostra visita esclusiva nello stabilimento TRW degli airbag). Fca ha comunque fatto sapere che per il momento il problema ha causato due infortuni non gravi e nessun incidente con altre automobili.

ALTRI DUE RICHIAMI – La vicenda non si chiude qui, perché Fca ha emesso altri due richiami, seppur questi rappresentano cifre molto piccole: tra i due, il primo riguarda 156.490 Ram 2500 e 3500 dei model year 2013 e 2014 (venduti in Usa) aventi un difetto alle saldature di alcune componenti dello sterzo. Fca (questo è il suo laboratorio di Auburn Hills, nel Michigan) sta però allargando le sue indagini e pertanto potrebbe richiamare anche ulteriori 20.603 veicoli in Canada, 13.236 in Messico e 3.241 in altri Paesi; a quanto pare, in questa circostanza, pare che il difetto abbia provocato solo un piccolo incidente senza però ferire nessuno. Il secondo piccolo richiamo è stato per 188 mila Ram 1500 Quad Cab dei model year 2014 e 2015, il rientro sarà necessario per adeguare gli air-bag laterali alle normative federali e quindi ridurre il rischio di espulsione degli occupanti al di fuori della cabina in caso di ribaltamento.

UN PERIODO DIFFICILE – Fca sta correndo molto forte, la sua è una marcia globale inarrestabile e siamo convinti che non saranno dei problemi e dei richiami a destabilizzare la scalata del Gruppo italiano. Però ultimamente la “sfortuna” in campo americano sembra non abbandonare Fca, che negli ultimi tempi è dovuta intervenire prima su 349.731 Journey e Fiat Freemont per problemi di copertura del motore che in alcuni casi, nel fuoristrada, ha provocato degli incidenti. Prima ancora oggetto del richiamo erano state 164.000 Jeep Cherokee con alcuni problemi che si sono verificati ai contatti elettrici di azionamento del portellone: in almeno un caso accertato si sarebbe verificato un incendio, causato dall'esposizione involontaria all'acqua del modulo di controllo del portellone di Jeep Cherokee, che può causare un corto circuito. Per non parlare infine delle indagini effettuate dall'NHTSA, la multa salata, i problemi di hackeraggio sulla Jeep Cherokee e l'ultimo richiamo (ma qui si tratta di pura prevenzione) di 7.810 Jeep Renegade.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frenata automatica: ancora molti limiti nei test AAA da 50 km/h

Ztl Roma orari mappa permessi

Ztl Roma oggi in centro: mappa e come funziona

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)