Mahindra e2o: la provocazione elettrica da 16 mila euro e 120 km

Mahindra punta sul Low Cost elettrico in Europa facendo tremare Renault e Nissan, ma quanto sarà affidabile e sicura un'auto così economica?

24 marzo 2016 - 9:45

Il costo d'acquisto delle vetture è uno dei principali ostacoli al decollo della mobilità elettrica, ma dall'India arriva una novità che promette di sconvolgere il mercato. Mahindra è pronta a far sbarcare in Europa un'auto elettrica che costa poco più di un'utilitaria. 

SFONDARE IN EUROPA CON L'ELETTRICO Il colosso indiano Mahindra è più che noto per le sue ambiziose aspirazioni e per la sua notevole disponibilità finanziaria; l'ultima tentazione del gruppo asiatico sembra essere quella di sfondare nel mercato delle auto elettriche in Europa. I portavoce della Casa hanno infatti annunciato che entro il prossimo aprile inizierà la commercializzazione nel Regno Unito della Mahindra e2o, una citycar elettrica a due porte e quattro posti, da tempo in vendita sul mercato indiano (leggi le mire Mahindra sulla Cina). 

ARMA VINCENTE SARÀ IL LOW COST Per renderla appetibile ai palati europei la e2o è stata profondamente modificata rendendola più confortevole e meno spartana, inoltre è stata dotata di tutti i dispositivi di sicurezza richiesti dalle normative europee (sapevi che Mahindra ha acquisito Pininfarina?). Le prestazioni della citycar elettrica sono sufficienti per un utilizzo urbano, raggiunge infatti una velocità massima di 50 miglia (pari a 80,46 km/h) e, secondo il Costruttore, assicura una autonomia di 120 chilometri con una carica della batteria da 6.5 kWh. Il punto di forza della piccola indiana è comunque il prezzo di vendita, il quale partirà da 13.000 sterline (16.400 euro) per la versione base. Secondo Mahindra il mercato di riferimento sarà quello delle famiglie in cerca di una seconda auto e quello dei giovani neopatentati. 

IL CRASH TEST SARÀ DETERMINANTE L'annuncio di Mahindra ha decisamente smosso le placide acque nelle quali galleggiano le citycar elettriche a marchio Renault e Nissan (leggi il futuro driverless della Nissan Leaf). ZOE e Leaf sono vendute a prezzi di gran lunga superiori a quello della e2o, la quale però potrebbe celare alcune incognite. La prima è senz'altro relativa alla sicurezza e sarà interessante scoprire come si comporterà l'indiana quando verrà sottoposta ai crash test europei. Il secondo dubbio da fugare riguarda invece le batterie e la loro affidabilità. La Casa indiana non ha ancora formalizzato le specifiche esatte del modello europeo, ma ha comunicato che sarà acquistabile esclusivamente online, mancando di fatto una rete di vendita fisica nel Regno Unito.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Multa Roma

Multe Roma: dal 1° novembre 6 nuove telecamere sulle preferenziali

Halloween 2020: come proteggere l’auto dai danni e cosa fare

Incentivi auto elettrica

Incentivi auto Piemonte 2020: fino a 12.000 euro con rottamazione