Madrid: stop alle auto diesel e benzina. Le novità sui blocchi del traffico

Entro il 2019 Madrid potrebbe trasformare il proprio centro in una zona off limit per le automobili, l'esperimento sulla Gran Via è stato un successo

17 gennaio 2017 - 11:30

L'inquinamento delle grandi metropoli europee è un problema sempre più sentito ed evidente. Da vari Paesi della UE da mesi giungono annunci circa la volontà di ridurre drasticamente il numero dei veicoli circolanti nei centri urbani, se non bandirli del tutto. Nella lotta all'inquinamento prodotto dai motori termici sembra volersi distinguere Madrid, la cui amministrazione ha già dichiarato di voler bandire tutti i veicoli diesel entro il 2025. La capitale spagnola sembra voler anticipare i tempi e il suo Sindaco ha annunciato di voler rendere gran parte del centro di Madrid un'isola pedonale permanente. Questo, secondo il primo cittadino, avverrà entro il 2019.

MADRID ISOLA PEDONALE, IL SOGNO DEL SINDACO Intervistata da una stazione radio spagnola, il Sindaco di Madrid Manuela Carmena ha sollevato il problema dell'inquinamento nella Capitale, argomentando la necessità e la volontà di vietare la circolazione delle auto nel centro urbano prima che il suo mandato giunga al termine, entro il 2019 quindi (Sapevi che in Norvegia saranno bandite anche le auto a benzina?). Il progetto dell'amministrazione comunale sarebbe quello di suddividere in zone la città, destinandone gran parte a isole pedonali. Le zone off-limits saranno accessibili soltanto ai residenti e ai mezzi destinati alle consegne di merci, a patto che questi siano veicoli a basse emissioni inquinanti.

ESPERIMENTO SULLA GRAN VIA DI MADRID Una delle prime zone per le quali il Sindaco vuole proporre il divieto di circolazione è la Gran Via, una delle arterie principali che attraversa in centro di Madrid; la strada a sei corsie, lunga 1.3 chilometri, è stata parzialmente interdetta al traffico durante le ultime festività natalizie in via sperimentale. L'esito è stato positivo ed è stata registrata una riduzione del traffico del 43%. Sulla base di questo risultato verrà valutata la chiusura definitiva dell'importante viale, il quale potrebbe divenire zona franca per pedoni e ciclisti (Leggi qui come Parigi ha scelto di estromettere le auto dal centro nei giorni di festa).

L'EUROPA CHE DICE BASTA ALLE AUTO Come dicevamo in apertura sempre più grandi città europee sono propense ad estromettere le automobili, soprattutto quelle alimentate a gasolio, dai centri urbani. Abbiamo visto come lo scorso dicembre, in occasione del summit C40 Città del Messico, Parigi, Atene e Madrid abbiano esternato la propria volontà di dare uno stop al traffico di veicoli diesel entro il 2025 (Leggi qui i proclami delle capitali al summit C40); la Norvegia punta addirittura a estromettere dalle strade, sempre entro la fine del prossimo decennio, anche le auto alimentate a benzina. Qualche anno addietro si è pure parlato di una proposta della UE di mettere fine alla mobilità spinta dai combustibili fossili entro il 2050. Cosa accadrà realmente nei prossimi anni? Soprattutto in Italia saremo pronti ed organizzati per dire basta alle auto in città?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pressione pneumatici invernali: perché le gomme si sgonfiano col freddo

Automobilisti senza cintura multa

Automobilisti senza cintura: una multa ogni cinque minuti

Furti auto: i 10 modelli più rubati al 2019