Le strisce pedonali diventano a LED e interattive, a Londra sono reali

Addio a vernice e operai: le strisce pedonali a LED sono integrate nella strada e aiutano le persone che devono attraversare

9 ottobre 2017 - 21:36

La sicurezza stradale è un puzzle fatto di tante cose, a partire dall'indispensabile rispetto delle regole per passare da norme chiare, segnaletica ben tenuta e l'assenza di distrazioni durante la guida. !Quest'ultimo punto è particolarmente importante perché in moltissimi casi si scrive 'errore umano' e si legge 'distrazione' (leggi che oltre al cellulare anche i sistemi di infotaiment rendono i guidatori come “ciechi”). I pedoni, poi, appaiono particolarmente vulnerabili rispetto agli incidenti dovuti alla disattenzione perché basta un lieve urto per causar loro conseguenze anche gravi. Il preoccupante aumento delle fatalità che accadono ai pedoni ha spinto alla creazione di queste strisce pedonali a LED, dotate di interattività e capacità grafiche.

BASTA STRAGI Questa rivoluzionaria segnaletica orizzontale nasce da una considerazione semplice, anche se tragica: nel 2016 il 25%di tutte le vittime degli incidenti stradali, in UK, erano pedoni e le statistiche riportano di 20 incidenti al giorno che coinvolgono pedoni che attraversano la strada, sempre nel Regno Unito. Come se non bastasse, le vittime fra i pedoni sono aumentate del 10% rispetto al 2015 mentre l'aumento medio fra il 2010 e il 2014 è stato del 6% l'anno. Si capisce bene quindi quali siano le motivazioni che hanno condotto alla creazione di questo prototipo, che simula un tratto di strada lungo 22 metri. Il sistema è stato testato a Londra la settimana scorsa in una località segreta; la città sembra molto sensibile alle esigenze dei pedoni, dato che dal 2020 limiterà la circolazione dei camion con poca visibilità laterale e in basso. Nel video qui sotto potrete vedere un'anteprima del funzionamento del sistema, che è stato visto in funzione dal Daily Mail.

NERO COLORATO Questo sofisticato complesso ha l'aspetto di una strada qualunque, anche se con una superficie decisamente più lucida dell'asfalto normale. La pavimentazione copre in realtà dei pannelli con migliaia di LED che possono visualizzare, oltre alle “zebre”, molti altri segnali e avvisi. Il sistema si avvale anche di telecamere posizionate alle estremità della strada; i loro segnali rendono edotto un controller di quel che sta accadendo in quel tratto di strada. In questo modo si possono illuminare i pannelli per avvertire gli altri utenti della strada che ci sono delle persone che stanno attraversando; queste ultime avranno poi un passaggio sicuro attraverso la strada. Il computer può anche mappare il movimento dei pedoni e creare delle segnalazioni di allerta personalizzate per salvaguardarli nei loro spostamenti. Le informazioni permettono inoltre di stimare quante persone si trovano sul marciapiede e regolare la larghezza delle strisce in modo da accoglierli tutti. Questa possibilità si prospetta molto utile all'uscita delle scuole, dei grandi uffici o in occasione di eventi sportivi e musicali in cui molte persone cercano di attraversare contemporaneamente.

La piattaforma, commissionata dall'assicuratore Direct Line, grazie alle telecamere può rilevare situazioni di pericolo, ad esempio il classico bambino che insegue un pallone (non crediamo che le strisce pedonali 3D usate in India e Cina sarebbero adatte a una città come Londra).

ANCHE I PEDONI DEVONO STARE ATTENTI In questo caso una vistosa freccia rossa evidenzierebbe il percorso del bambino e metterebbe in allarme automobilisti, motociclisti e ciclisti del rischio improvviso. Le applicazioni sono molte altre, come evidenziare il tragitto di di attraversamento di un pedone nascosto dietro un camion o un autobus o segnare una zona davanti ai veicoli dove si possano fermare i ciclisti. I marciapiedi illuminati possono inoltre attirare l'attenzione dei pedoni con la testa fra le nuvole, assorbiti dall'ascolto della musica o dagli smartphone: in questo modo forse attraverseranno guardando bene in giro.

L'Innovation marketing manager di Direct Line, Rachael Lynch, ha dichiarato: “Le città in tutto il mondo sono banchi prova del futuro e riteniamo che il nostro modello possa essere una parte essenziale della vita quotidiana. In un mondo che ci immerge nella tecnologia mobile, l'attraversamento intelligente può prevenire il pericolo e sollecitare i pedoni a guardare bene prima di attraversare una strada”. Uno dei cofondatori di Umbrellium, la società che ha progettato e costruito il prototipo, Usman Haque, ha detto che: “gli incidenti ai pedoni sono un grosso problema e abbiamo sviluppato una soluzione valida. Lo Smarter Crossing risponde dinamicamente utilizzando colori e simboli che comprendiamo tutti. Abbiamo portato gli attraversamenti pedonali alla 'velocità' di una città moderna perché la concezione delle strisce risale ad un'altra epoca, quando il rapporto umano con la città era completamente diverso. Il sistema riconoscepersino la differenza tra pedoni, veicoli e ciclisti ed è pronto a cambiare il futuro delle città”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Aumento bollo Euro 3 per svecchiare il parco auto

Aumento bollo Euro 3 per svecchiare il parco auto: la proposta di PSA

Smartphone al volante telecamere

Smartphone al volante: arrivano le telecamere per scovare i trasgressori

Dispositivi anti abbandono 30 euro bonus

Dispositivi anti abbandono, solo 30 euro di bonus: è polemica