Le Matiz con l'ABS difettoso saranno riparate gratis

SicurAUTO incontra Chevrolet Italia e ottiene la sua vittoria: le Matiz con l'ABS difettoso saranno riparate gratuitamente. Previsti rimborsi per chi

23 luglio 2011 - 11:49

A distanza di oltre un mese dalla puntata di Mi Manda Rai Tre in cui abbiamo portato il caso delle numerose Chevrolet Matiz con difetti all'ABS, ieri SicurAUTO ha incontrato presso la sede di Roma di Chevrolet Italia  il dott. Roberto Ferrante, direttore post-vendita della Casa, e il dott. Sandro Salvucci, responsabile relazioni clienti e garanzia. Scopo principale dell'incontro era quello di  conoscere la posizione ufficiale di Chevrolet e fare il punto della situazione riguardante le note segnalazioni della clientela sui malfunzionamenti dell'impianto frenante delle Matiz prodotte dal 2007 al 2008.

 

AGGIORNAMENTO:  ABS Chevrolet Matiz: finalmente arriva il Richiamo

Discussione sul forum:  [Chevrolet Matiz anno 2007] ABS difettoso (aggiornato)

RIPARAZIONI GRATIS – I responsabili del post-vendita di Chevrolet Italia ci hanno comunicato di aver predisposto un'azione di “correntezza” che prevede la sostituzione a titolo totalmente gratuito del gruppo ABS, entro il 5° anno dalla data di immatricolazione, su tutte le Matiz che manifestano o manifesteranno il malfunzionamento, a prescindere dalla mancata effettuazione della normale manutenzione, della sostituzione olio freni e dal chilometraggio coperto dal veicolo (elemento che sino adesso aveva creato un vero e proprio “muro di gomma” nei confronti dei consumatori, vedi le testimonianze sul forum). Per i clienti che avessero già provveduto a pagare di tasca propria il gruppo ABS ci sarà il rimborso di quanto speso, ma sarà Chevrolet Italia a decidere caso per caso (riteniamo comunque che il rimborso dovrebbe avvenire senza intoppi).

NIENTE RICHIAMO – Come si può notare, l'iniziativa della Casa non è un richiamo vero e proprio, ma indubbiamente la decisione presa da Chevrolet Italia costituisce un notevole passo avanti rispetto alla situazione precedente, troppo discriminante e penalizzante per la clientela, soprattutto se si considera che in molti casi sono proprio le officine della rete ufficiale Chevrolet che non provvedono alla sostituzione biennale dell'olio freni. Ovviamente, le richieste d'intervento perverranno dalla rete ufficiale Chevrolet dopo i necessari accertamenti tecnici sulle vetture coinvolte, rete che è stata appena informata del nuovo “piano” e che quindi dovrebbe assistere adeguatamente i clienti Matiz. Il nostro auspicio è che tutta l'operazione si svolga senza intoppi e soprattutto in tempi ragionevoli, con fermi tecnici in officina ridotti al minimo (finora i tempi di attesa per la fornitura di un nuovo modulo ABS  sono stati di 1-2 mesi).

AUTO DI CORTESIA – La rete Chevrolet Italia metterà comunque a disposizione della clientela le auto sostitutive. Soluzione immediatamente chiesta e prospettata da Federauto (l'organo che rappresenta i concessionari italiani) che, subito dopo la trasmissione Rai, aveva inviato una lettera dai toni piuttosto duri a Chevrolet Italia, invitandola a intervenire nei confronti dei clienti e a mettere a loro disposizione un adeguato numero di auto di cortesia. Tuttavia, sino alla settimana scorsa nessuno aveva ancora dato risposte chiare al presidentedi Federauto Filippo Pavan Bernacchi che, interpellato da SicurAUTO, rispondeva amareggiato: «a distanza di un mese nessuno ci ha ancora risposto. Siamo piuttosto delusi dall'atteggiamento di Chevrolet e speriamo che la loro posizione cambi al più presto». La posizione è finalmente cambiata.

COSA ACCADE ALL'ABS? – Il richiamo è stato escluso dalla Casa madre in Corea poiché, dalle indagini tecniche effettuate dalla stessa sui gruppi ABS già sostituiti, sono emersi fenomeni di corrosione/ossidazione sulle valvole dei moduli, ruggine che contamina l'olio e ostruisce le valvole stesse. Tale fenomeno è stato attribuito all'olio dell'impianto frenante contaminato da umidità (il fluido è molto igroscopico, cioè trattiene l'umidità). Pertanto, la casa madre non riconosce alcuna difettosità del gruppo in quanto la causa è stata individuata, a suo parere, nella mancata manutenzione del veicolo. Resta da chiedersi come mai nel gruppo ABS Bosch, montato in precedenza, non si siano verificati casi analoghi. Chevrolet Italia assicura che da oggi tutta la propria rete è stata informata dell'assoluta necessità di sostituire l'olio dei freni ogni due anni su tutte la Matiz (operazione sino ad oggi omessa dalle stesse officine autorizzate), ma esclude una lettera informativa “a pioggia” verso tutti i clienti che li inviti a sostituire l'olio dei freni quanto prima (come proposto da SicurAUTO). Pertanto, siamo noi che invitiamo tutti i clienti Matiz a recarsi presso un'officina autorizzata Chevrolet per farsi sostituire l'olio dei freni e far analizzare quello vecchio: se fortemente contaminato potrebbe aver già danneggiato l'ABS, che quindi va sostituito.

CASO SOLO ITALIANO? – Secondo quanto emerso dal cordiale incontro con i dirigenti Chevrolet, che ringraziamo per la disponibilità, sembrerebbe che il problema dell'ABS sia un caso (quasi) tutto italiano. All'estero, infatti, gli ABS “corrosi” si contano sulle dita di una mano e anche per questo la casa madre non ha permesso a Chevrolet Italia di intervenire tempestivamente sul problema (i casi sino adesso ricevuti da Chevrolet Italia sono 170, ma secondo noi il fenomeno è ben più ampio, visto che la nostra redazione ha raccolto circa 100 segnalazioni). L'attuale piano messo a punto per i clienti italiani è quindi un'iniziativa del dott. Ferrante, il quale sta agendo, sebbene tardivamente, a tutela dei clienti Matiz e della loro sicurezza.

ABBIAMO VINTO – Dopo una lunga inchiesta, una diretta Rai e un costante aggiornamento sulla vicenda, possiamo affermare di avere vinto questa importante battaglia per la sicurezza dei consumatori. Tuttavia SicurAUTO non abbandonerà i propri lettori e continuerà a vigilare sulla vicenda. Vogliamo sapere da voi se tutto procederà per il verso giusto. Cercheremo, inoltre, di fare il possibile affinché tutti i clienti Matiz vengano informati dell'assoluta necessità di cambiare l'olio dei freni sulla propria auto, anche perché molti di questi non si rivolgono più alla rete ufficiale e pertanto rischiano di non essere messi al corrente di questo importante intervento di manutenzione (in questo senso speriamo che la circolare Chevrolet sia facilmente accessibile anche alle officine indipendenti). Continuate a segnalarci i vostri problemi sul forum, noi saremo sempre al vostro fianco, anche sotto l'ombrellone.

di Bruno Pellegrini e Claudio Cangialosi

25 commenti

Daniele
4:13, 24 luglio 2011

Davvero una bella notizia!

Complimenti al signor Cangialosi e a tutti coloro che si sono prodigati affinchè questa vicenda avesse un lieto fine

UBALDO
14:03, 25 luglio 2011

GRAZIE INFINITE PER IL VOSTRO INTERESSAMENTO CHE PORTA ALLA SOLUZIONE DI UN PROBLEMA DAVVERO NON DI POCO CONTO.

((((( Io ho la mia Matiz ferma dal 29 giugno u.s. alla concessionaria Chevrolet di Siracusa, in attesa che arrivi il ricambio. Il servizio clienti della Chevrolet Italia, mi ha risposto che NON si può sapere quando arriveranno i ricambi dalla casa madre.

Ho portato alla concessionaria la stampa della vostra comunicazione, ma “non ne sapevano niente” e “si sarebbero informati”…..speriamo bene! )))))

salutissimi

ubaldo passanisi

costantina
0:10, 3 agosto 2011

Grazie a tutti ! ora speriamo solo che alle parole seguono i fatti! vi farò sapere.

Ubaldo
20:02, 11 agosto 2011

Faccio seguito alle mie del 25/07 e del 29/07 uu.ss. per comunicarvi che FINALMENTE oggi ho ritirato, riparata la mia Matiz che aveva l'ABS difettoso. Per la sostituzione (modulo ABS, olio freni, e manodopera) non ho pagato alcun corrispettivo.
Mi era stata concessa l'autovettura di cortesia.

Ancora grazie

nicolò
12:27, 17 agosto 2011

sono anch'io un possessore di una matiz chevrolet anno di immatricolazione 2008 e Confermo fortemente la protesta di tutti coloro che hanno questo problema (compreso il sottoscritto).Mi è stato detto dai meccanici di Comauto di Siracusa, che il caso di sostituzione del modulo abs dovrà essere deciso da un ispettore in merito alla documentazione prodotta sul difetto in causa.Nulla in contrario! però che mi si chieda di esibire le fatture dei tagliandi effettuate, mi sa di bufala!, visto che è poco probabile che nel caso di manutenzione l'utente può smarrire o buttare via lo scontrino.A mio parere resta il fatto che chi va a manutentire il proprio mezzo ha come garanzia il riscontro dei tagliandi con i timbri e date di effettuazioni da parte delle officine autorizzate sui libretti di manutenzione, per cui non vedo il problema.A questo punto credo che la chevrolet pur di non pagare gli sbagli fatti,si appigli su richieste ridicole.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto elettriche: in Germania il crollo peggiore di tutta l’Europa

Noleggio autobus con autista: servizi, prezzi e preventivo gratis

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023