L'auto diesel a zero emissioni sarà realtà. Ecco l'idea Ford

I carburanti alternativi dovranno "consumare" CO2 anziché produrla. Le Mondeo diesel sperimentali potranno emettere fino a 3g/km di anidride carbonica

17 settembre 2015 - 17:12

Anche se non sembra facile ridurre le emissioni dei veicoli con motore a scoppio, i centri di ricerca e le case automobilistiche stanno continuamente studiando nuove soluzioni, alcune delle quali promettono risultati eclatanti. In attesa di questi sviluppi anticipiamo come SicurAUTO abbia già assistito a sperimentazioni di carburanti alternativi.

IL “GIRO” DEL CARBONIO – Le emissioni dei motori a scoppio derivano proprio dal loro meccanismo di funzionamento, che prevede la combustione di idrocarburi, ossia composti fatti essenzialmente di Carbonio e Idrogeno. Essi possono avere formule complicatissime ma il loro esponente più semplice, il Metano, ha un solo atomo di carbonio circondato da 4 atomi di Idrogeno. Senza addentrarci nella chimica organica quello che è stato detto fa capire perché nei prodotti della combustione siano sempre presenti composti del Carbonio, come CO2, CO e particolato, che vengono immessi nell'atmosfera. L'idea di questa sperimentazione Ford è lineare (anche se lineare non è sinonimo di facile): recuperare il Carbonio disperso nell'atmosfera per sintetizzare carburanti da usare nei motori diesel. In questo modo non si brucerebbero composti contenenti “nuovo” Carbonio (nel senso che è stato portato in superficie tramite petrolio e gas estratti dal sottosuolo) ma si riciclerebbe una parte di quello presente nell'atmosfera per lo più sotto forma di CO2.

EMISSIONI QUASI A ZERO – Questi carburanti sintetici ovviamente richiedono energia per essere creati ma se gli impianti di produzione fossero alimentati da fonti rinnovabili allora le emissioni dell'intero ciclo sarebbero bassissime, tanto da far dire a Ford come un veicolo alimentato con DME (etere dimetilico, usato come propellente nelle bombolette spray) prodotto in modo “verde” emetterebbe soltanto 3 grammi di CO2/km, all'incirca quanto emesso da un maratoneta. Oltre al DME il progetto di ricerca Ford punta sull'etere ossimetilenico OME1, un liquido normalmente utilizzato come solvente nella chimica industriale. Entrambi sono compatibili con i motori a ciclo diesel e possono essere prodotti a partire da gas naturali, da biogas o attraverso il già citato processo di conversione chiamato power-to-liquid, che punta a sintetizzarli a partire dalla CO2 dell'aria. In pratica producendo questi composti si sottrae anidride carbonica dall'atmosfera e si immagazzina l'energia ottenuta da fonti rinnovabili – quali l'eolico o il fotovoltaico – in un combustibile di sintesi. Per questa ricerca Ford ha stanziato oltre 3,5 milioni di euro e il progetto, cofinanziato dal governo tedesco, avrà una durata di 3 anni e si svolgerà presso il centro di ricerca e innovazione di Aachen. Il consorzio (al quale partecipano anchel'Università di Monaco, FVV, TUEV, DENSO, IAV Automotive Engineering, e Oberon) svilupperà 2 prototipi, basati sulla Ford Mondeo, mentre una ricerca parallela, finalizzata alla definizione di processi efficienti di produzione e distribuzione del DME, si svolgerà nell'Università di Aachen.

ESPERIMENTI GIÀ AVVIATI – La combustione di DME e OME1 produce quantità di particolato prossimi allo zero ed entrambi i carburanti sono compatibili con il ciclo Diesel con pochi adattamenti. Anche lo stoccaggio di questi carburanti è “normale”: il DME si immagazzina in una bombola simile a quella del GPL mentre l'OME1 può essere conservato in un serbatoio convenzionale. C'è un certo fervore nella sperimentazione di carburanti alternativi, con esperimenti che spaziano dalla possibilità di ottenere benzina dall'aria all'immissione di metanolo nei diesel per diminuire il particolato. A quest'ultimo esperimento e ad uno simile, condotto anche a Malta, ha assistito l'Esperto di SicurAUTO, che ha pubblicato i risultati dei test sull'alimentazione ibrida gasolio-etanolo: i numeri sono interessanti anche se non tutte le emissioni sono migliorate.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trump – Biden: tasse e incentivi auto al centro delle elezioni USA 2020

Consiglio acquisto crossover: budget fino a 15.000 euro

Radiazione auto

Bollo auto non pagato: sanzioni, interessi e radiazione