viEnergy Project: i risultati dei test sull'alimentazione ibrida gasolio-etanolo

Ecco il resoconto finale della sperimentazione a Marsala e Malta sull'utilizzo di etanolo miscelato al gasolio di mezzi commerciali e autobus

6 marzo 2015 - 12:00

Nell'ottobre dello scorso anno abbiamo presenziato a Marsala (TP) ai test su strada di un pullman alimentato con una miscela di gasolio e il 5,5% di etanolo + additivo emulsionante, ricavati ambedue dalle vinacce (vedi nostro articolo di novembre 2014). L'obiettivo principale dei test, promossi dal Sig. Mario Ragusa e svoltisi sia a Marsala che a Malta sotto il controllo e con le strumentazioni del JRC (Joint Research Centre) della Commissione europea con sede a Ispra (VA), è quello di ottenere con tale miscela, una riduzione del particolato (PM) del 15% senza apportare alcuna modifica ai motori e sfruttando materia vegetale di scarto per ricavare etanolo. Ora siamo in grado di rendere noti i risultati elaborati dai tecnici del JRC.
Per i test effettuati a Marsala è stato utilizzato un pullman Scania Irizar (euro2), mentre per i test svoltisi a Malta è stato scelto un furgone Ford Transit (euro 4). La diversa tipologia dei veicoli prescelti si spiega con l'obiettivo di verificare i risultati su motori aventi potenza, cilindrata e livelli di emissioni molto diversi. Per rilevare le emissioni durante la marcia è stata utilizzata un'attrezzatura portatile (PEMS, Portable Emissions Measuremente System), montata all'interno dei veicoli.

 

  • Test Marsala (dal 20 al 24 ottobre 2014) – La metodologia adottata prevede un percorso fisso da effettuare 7 volte di cui 4 alimentando il pullman con gasolio e 3 volte utilizzando la miscela gasolio-etanolo;

 

  • Test Malta (dal 9 al 12 dicembre 2014) – Percorso fisso da effettuare 8 volte: 4 con alimentazione a gasolio e 4 con miscela gasolio+etanolo.

 

    I RISULTATI – Per quanto riguarda i valori medi di PM (quelli che più interessavano), si riscontra una lieve diminuzione (1,23%) nei test di Marsala ed una significativa riduzione nei test di Malta (30,81%). Il risultato atteso era una riduzione del 15% con una % di etanolo+ emulsionante vegetale del 5,5%. Tutti gli altri valori di emissioni (NOx, THC, CO, CO2) sono invece peggiorati lievemente nei test di Marsala (dal 2,8% al 4,72%) ma in modo più consistente nelle prove di Malta, in particolare NOx (42,48%), THC (438,58%). Tale valore degli HC, assolutamente anomalo, potrebbe trovare spiegazione, a parere degli esperti del JRC, nelle cattive condizioni di manutenzione e messa a punto del motore del Transit che faticava nei tratti in salita. La CO2 è aumentata del 3,06% mentre il CO del 12,41%. I consumi medi ottenuti nei test di Marsala con il pullman Scania sono stati di 27,9 L/100 km con alimentazione a gasolio e 29,4 L/100 km con alimentazione gasolio +etanolo con un aumento del consumo del 5%. Nei test effettuati a Malta con il Ford Transit è stato ottenuto un consumo medio di (11,35 L/100 km con alimentazione a gasolio e 11,96 L/100 km con la miscela gasolio + etanolo. D'altra parte, era prevedibile un modesto peggioramento dei consumi a causa del minore potere calorifico dell'etanolo miscelato al gasolio.

     

    Il consumo di carburante, FC espresso in litri x 100 km è stato calcolato mediante la seguente formula:

    FC = (0.1154 / D) • [(0.866 • HC) + (0.429 • CO) + (0.273 • CO2)]

    dove:

    HC = emissioni di idrocarburi incombusti in g/km
    CO = emissioni di monossido di carbonio in g/km
    CO2 = emissioni di biossido di carbonio in g/km
    D = densità del carburante usato nel test

    Nel caso specifico, si tiene conto del 5% di etanolo miscelato al gasolio.

    SPECIFICHE TECNICHE DEI VEICOLI UTILIZZATI NEI TEST:

    Livello di emissione
    Euro II
    Euro IV

    Categoria
    M3 bus
    N2 furgone

    Modello
    SCANIA Irizar Century
    Ford Transit

    Cilindrata (cm3)
    11.705
    2402

    Potenza max. (kW)
    309
    74

    N. cilindri
    6
    4

    Aspirazione
    Normal
    Turbo

    Contakm all'inizio del test (km)
    742.358
    92.818

    Contakm alla fine del test (km)
    742.824 (km percorsi 466)
    93.250 (km percorsi 432)

     

    CONCLUSIONI – Alla luce dei risultati dei test, i responsabili del programma viEnergy del JRC hanno certificato che le emissioni gassose regolamentate (CO,CO2, NOx, HC) hanno subito un incremento con l'uso della miscela gasolio+etanolo al 5,5%. Per quanto riguarda le emissioni di particolato PM, il dato più significativo è la riduzione del 30,8 % nei test di Malta, mentre nei test di Marsala la riduzione è di appena 1,2%. Da rilevare tuttavia che nel test 3 D+E (quello finale) effettuato a Marsala, si nota una riduzione del particolato (PM) rispetto alle due precedenti misurazioni e ciò denota una tendenza ad una ulteriore riduzione dopo percorrenze più rilevanti. Particolarmente incoraggiante la riduzione del particolato nei test sul furgone Transit, ben superiore al 15% previsto. Ciò dimostra che piccole percentuali di etanolo miscelate al gasolio influiscono maggiormente, ai fini della riduzione del particolato, sui motori turbodiesel di cilindrata unitaria limitata. Comunque, per avere dati consolidati e confrontabili, è necessario portare avanti questo tipo di sperimentazione.

     

    Commenta per primo

    POTRESTI ESSERTI PERSO:

    Incidenti stradali strade più pericolose d’Italia

    Incidenti stradali 2018: le strade più pericolose d’Italia nel rapporto ACI

    Dispositivi anti abbandono 30 euro bonus

    Dispositivi antiabbandono e omologazione: come stanno le cose?

    Incentivi auto elettriche 2020

    Incentivi auto elettriche 2020: la guida regione per regione