La precedenza ai mezzi di soccorso, l'esempio della Polonia [VIDEO]

Dare la precedenza ai mezzi di soccorso è un obbligo che spesso ci trova impreparati. Ecco un video che mostra come farlo nel modo corretto

8 novembre 2017 - 13:57

Sarà capitato un po' a tutti nella carriera da automobilisti di vedersi sorpassare da Autoambulanze, Polizia o altri mezzi di soccorso con le sirene spiegate che segnalano di dover lasciare la strada libera e dare la precedenza. Quando però arriva il momento di fare la cosa giusta può capitare di farsi trovare impreparati o lasciarsi prendere dal panico, piantandosi al centro della carreggiata credendo di essere meno d'intralcio a chi sta lottando contro il tempo per arrivare prima possibile sul luogo di un incidente. Cosa bisogna fare i questi casi? L'esempio viene mostrato dai Vigili del Fuoco polacchi nel video che vi proponiamo sotto di un intervento scattato lo scorso weekend in seguito a un incidente stradale: un plauso ai loro connazionali ma anche un monito per tutti gli automobilisti a riflettere sull'importanza di dare la precedenza ai soccorsi nel modo giusto.

IL VIDEO CHE LODA GLI AUTOMOBILISTI POLACCHI Fermarsi a casaccio quando bisogna dare la precedenza ai mezzi di soccorso potrebbe bloccare inutilmente quello che si definisce il Corridoio della vita. L'esempio di virtuosità arriva dai non tanto lontani automobilisti polacchi, ripresi a loro insaputa dalle telecamere di bordo dei Vigili del Fuoco che accorrono dopo un incidente avvenuto nei pressi di Cracovia sull'arteria autostradale A4. Un comportamento da manuale, quello degli automobilisti, che si presenta all'arrivo dei mezzi di soccorso che gli stessi pompieri volontari di Szarów, nella Polonia meridionale, hanno voluto omaggiare pubblicando sul profilo Facebook il video che trovate qui sotto. Ecco come comportarsi in caso d'incidente stradale e dare la precedenza ai soccorritori.

UN TAPPO CHE POTREBBE COSTARE LA VITA Questo weekend nei pressi di Cracovia un incidente di quelli che sulle autostrade italiane spesso creano ingorghi di ore, si è fortunatamente risolto in circa 30 minuti grazie alla perfetta cooperazione tra soccorritori e automobilisti. Il video qui sopra postato dai Vigili del Fuoco polacchi mostra come non siano solo gli automobilisti preparati a comportarsi nel modo corretto in caso di emergenza, visto che anche un tir che non si presta per niente bene a manovre dell'ultimo secondo è ben incolonnato sul margine della strada. Un atteggiamento lodevole che ha spinto i Vigili del Fuoco a ricordare quanto anche la più efficiente macchina dei soccorsi possa non funzionare adeguatamente senza la collaborazione di tutti gli utenti della strada (dal 2018 l'eCall sarà di serie su tutte le auto ma l'Italia è ancora indietro).

COSA FARE IN AUTOSTRADA E IN CITTA' E' questione di cultura, un mix di altruismo e senso civico che a volte, soprattutto quando si incontra un ingorgo autostradale, bisognerebbe rispolverare senza farsi travolgere dalla curiosità di scoprire cosa è accaduto più avanti, senza farsi prendere dalla voglia di saltare la fila usando la corsia riservata proprio ai mezzi di emergenza (oltre all'aspetto morale, va ricordato quello legale di un tale gesto che può costare una sanzione da 84 a 355 euro, art. 176 CdS). Se state guidando in autostrada quindi è bene ricordare che l'uso della corsia riservata alla sosta di emergenza o al transito dei mezzi di soccorso è consentito solo in caso di ingorgo dopo il cartello che avvisa dell'uscita a 500 metri di distanza. Nel caso non fosse presente la corsia di emergenza contrassegnata dalla linea continua, le auto che occupano la prima corsia devono spostarsi più a sinistra, in prossimità della seconda corsia per creare un corridoio utile ai soccorsi in arrivo. In città non è sempre facile sapere se si potrà essere di intralcio a un mezzo di soccorso in emergenza che sopraggiunge. Se non si vede arrivare nessuno dal retrovisore ma le sirene sembrano sempre più vicine, è consigliabile accostare in sicurezza appena possibile segnalando anche la manovra con la freccia. In questo modo i soccorritori potranno scorrere via nel corridoio creato dalle auto in entrambi i sensi di marcia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa