La nuova Opel Astra avrà fari intelligenti a matrice di LED

Continua il processo di democratizzazione delle tecnologie: i fari a matrice di LED arrivano, con il nome IntelliLux, nella nuova Opel Astra

15 maggio 2015 - 9:00

Da qualche anno si parla molto delle luci a LED e delle loro doti di efficienza, durata e versatilità. Questa evoluzione arriva ora anche sulle auto medie e precisamente sulla nuova Ople Astra, che verrà svelata in occasione del Salone Internazionale dell'Automobile di Francoforte, che inizierà il 17 settembre.

A OPEL PIACCIONO ADATTIVI – Tutti i costruttori stanno virando verso le sorgenti LED, con i marchi premium, ad esempio Mercedes, che hanno adottato già da un po' la soluzione Full, ossia quella che usa queste sorgenti luminose per tutte le luci, mentre gli altri ci si avvicinano gradualmente, prima con le luci diurne e poi con gli anabbaglianti. Opel ha deciso di fare il grande salto e passare, per la nuova versione della media Astra, a gruppi ottici di tipo a matrice totalmente a LED. Questa soluzione offre molta versatilità nella modulazione “opportuna” del flusso luminoso, con risultati che hanno indotto Opel a battezzare questa tecnologia IntelliLux. In effetti la casa tedesca tiene molto all'efficienza dei gruppi ottici anteriori, al punto da aver adottato i fari adattivi bi-xeno sulla grossa Insignia, nell'Astra attualmente in produzione e nell'ultima versione della Corsa. I vantaggi dei LED (a proposito, la sigla sta per Light Emitting Diode, diodo ad emissione di luce) sono ormai conosciuti e conclamati.

FARI A MATRICE DI LED, I PERCHÉ DI UNA SCELTA – La loro efficienza deriva da una generazione della luce che sfrutta le transizioni energetiche: gli elettroni, ricombinandosi con le lacune del semiconduttore, perdono energia che viene emessa direttamente sotto forma di fotoni, un processo molto più efficiente (i LED Laser lo sono ancor di più) rispetto al portare all'incandescenza un filamento o alla creazione di un arco elettrico nel gas Xeno. L'emissione di raggi infrarossi è praticamente nulla e anche questo aumenta l'efficienza (essi sono invisibili e quindi non partecipano all'illuminazione) e diminuisce l'emissione di calore. L'assenza di parti meccaniche rende i LED molto longevi mentre le loro ridotte dimensioni – che permette di assimilarli a sorgenti puntiformi – permettono una focalizzazione precisa del fascio luminoso e questa è un'altra proprietà gradita. Riunendone diversi in una matrice e modulando separatamente l'accensione di ognuno di essi si riesce infatti a modellare la luce con precisione.

ABBAGLIANTI SEMPRE, ABBAGLIATI MAI – I fari IntelliLux della nuova Astra permettono di tenere accesi gli abbaglianti praticamente sempre, dato che la loro matrice di LED riesce a “sagomare” la luce in modo da non abbagliare i conducenti delle altre auto, siano esse quelle che vengono verso di noi o quelle che ci precedono. Spariscono inoltre i sistemi meccanici di regolazione dell'altezza, a tutto vantaggio dell'affidabilità e dell'ingombro del fanale. Ogni gruppo ottico anteriore della nuova Opel Astra conta 8 LED controllati dalle immagini inviate dalla telecamera anteriore Opel Eye in modo che la lunghezza e la distribuzione del fascio luminoso siano adeguati a tutte le situazioni del traffico. Appena il veicolo lascia le zone urbana (la funzione è attiva anche nei veicoli privi di navigatore) gli abbaglianti vengono attivati automaticamente e rimangono il più possibile accesi – il ridotto consumo energetico non genera sprechi di carburante – grazie alle loro capacità anti-abbagliamento. Il vantaggio è grande: la portata degli abbaglianti è di circa 30 – 40 metri superiore a quella degli anabbaglianti e alla velocità di 80 km/h questo significa avere circa 1,5 secondi in più per evitare un eventuale ostacolo.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Daimler: il taglio di 6 miliardi e il futuro senza Nissan-Renault

Automobilisti italiani: il 79,5% afferma di rispettare le regole

Controllo pneumatici: la giusta pressione fa risparmiare 83 euro l’anno