Kobe Steel: Toyota rassicura sugli standard, Subaru indaga sugli aerei

I timori per auto prodotte con metalli scadenti sono alti ma Toyota rassicura su una qualità soddisfacente ed entro i canoni imposti dall'azienda

23 ottobre 2017 - 9:00

Mentre divampa ancora la prima fiammata dello scandalo dei metalli distribuiti dalla giapponese Kobe Steel giungono le prime rassicurazioni ai consumatori da parte dell'industria automobilistica nipponica. Quello che è il terzo produttore di acciai e metalli del Sol Levante è uno dei principali fornitori di materia prima per brand delle quattro ruote celebri come Toyota, Subaru e Honda. Relazionandosi con una delle più note agenzia di stampa internazionali, i costruttori cercano di contenere allarmismi e, probabilmente, anche richiami colossali. Dopo emissioni truccate, airbag killer e metalli farlocchi, non è forse arrivato il momento di smetterla di risparmiare sulla pelle dei consumatori?

I CONFINI DELLO SCANDALO CONTINUANO AD ESPANDERSI Come abbiamo avuto modo di spiegare nei giorni scorsi è emersa una grave anomalia nei processi produttivi di Kobe Steel, uno dei principali produttori giapponesi di metalli destinati all'industria automobilistica, meccanica e perfino aerospaziale. Ad essere sotto la lente d'ingrandimento sono principalmente il rame e ancor di più l'alluminio venduti da Kobe a numerose altre aziende (Qui trovi tutti i dettagli sulla vicenda Kobe Steel); le certificazioni relative alla resistenza di questi metalli sarebbero volontariamente falsate. Sono infatti coinvolti, oltre al settore automobilistico con i brand che accennavamo in apertura, anche industrie che producono treni, esportati anche al di fuori dei confini nipponici, e che producono velivoli. Insomma le premesse per uno scandalo colossale e dai costi stratosferici sembrano esserci tutte ma da più parti giungono accorate rassicurazioni sulla bontà dei prodotti finiti.

STANDARDI DI SICUREZZA ANCORA SODDISFACENTI PER TOYOTA Tra le prime aziende a voler inviare rassicurazioni tramite l'agenzia di stampa internazionale Reuters è giunta Toyota la quale ha specificato, puntando a tranquillizzare utenti e opinione pubblica, che, pur essendo i materiali al di sotto delle specifiche previste, gli standard di sicurezza risultano ancora soddisfacenti: “Abbiamo confermato che i materiali soddisfano gli standard normativi applicabili e il nostro standard interno per i requisiti essenziali per la sicurezza e la durata dei veicoli” (Sapevi invece dell'Irongate? Il presunto cartello dell'acciaio tra produttori di auto? Leggi qui).

SUBARU VUOLE RISALIRE AGLI AEREI A RISCHIO, SI VALUTA COMUNQUE UNA RIVALSA C'è invece chi, come Subaru, sta ancora investigando e valutando l'eventuale rischio per la propria produzione di autovetture e per le eventuali forniture a terzi. Tramite la Casa delle Pleiadi l'alluminio Kobe è stato fornito ad aeroplani impiegati dall'aviazione nipponica e, sempre come componenti in velivoli di linea. Subaru non ha ancora ultimato il lavoro di ricerca e tracciabilità per risalire con precisione a quali siano gli aerei nei quali è stata utilizzata la componentistica sospetta. Rassicurazioni a parte le Case costruttrici che hanno acquistato i materiali di Kobe Steel stanno valutando il da farsi per un'eventuale azione di rivalsa (Il cartello dell'acciaio durerebbe da oltre 20, scopri perché sarebbe stato istituito).

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?