Italiani esperti e dinamici alla guida: lo rivela un'indagine Shell

1 italiano su 5 è esperto e dinamico, la passione per i motori influenza lo stile di guida in tutti i Paesi dell'indagine Shell

5 luglio 2018 - 11:30

Emozione, passione per i motori e stile di guida hanno da sempre caratterizzato il rapporto degli automobilisti con la propria auto. A raccontare questo legame più o meno intenso e con sfumature diverse tra i vari Paesi d'Europa è Shell con l'indagine Drive On. L'analisi che ha confrontato il modo di rapportarsi con la guida dell'auto in 9 Paesi diversi ha decretato che oltre 1 italiano su 5 vince per dinamismo, individuando anche 6 profili in cui si sono identificate Spagna, Regno Unito, Francia, Germania, Belgio, Paesi Bassi, Turchia e Polonia. Scopri in quale di questi 6 profili ti collocheresti secondo l'approccio alla guida dell'indagine Shell Srive On, che guardiamo più da vicino.

I PROFILI DEGLI AUTOMOBILISTI EUROPEI L'indagine presentata da Shell e condotta da una delle principali aziende esperte nelle ricerche di mercato ha individuato tra 9 mila intervistati di età compresa tra 25 e 45 anni 9 approcci diversi alla guida. L'approccio predominante è sicuramente quello dell'automobilista esperto (22,5% degli intervistati) che si definisce concentrato, preciso e puntuale nella gestione delle diverse situazioni al volante e si trova maggiormente a proprio agio nella guida pianificata. L'automobilista amichevole (19,6%) invece condivide la sua esperienza in auto con amici e familiari, difatti è tendenzialmente più affidabile e responsabile alla guida. L'automobilista premuroso (17,6%) è il guidatore attento, che risulta tranquillo, sicuro di sé e più a proprio agio nella guida a bassa velocità. Gli spensierati (17%) amano il senso di indipendenza e di libertà alla guida anche senza una meta prefissata. Gli automobilisti decisi (13,3%), secondo l'indagine, poi sono quelle persone che si riflettono nelle prestazioni pure dell'auto che guidano e non si fanno problemi ad ostentare in strada il lusso. Infine ci sono quelli dinamici (10,1%), gli automobilisti che prediligono la guida notturna con spirito d'avventura percorrendo strade impervie per mettere alla prova le capacità della propria auto. Anche una recente indagine svizzera ha rivelato dove sono gli automobilisti più bravi e quelli peggiori, approfondisci qui!

LA GUIDA DELL'AUTO NEI VARI PAESI Esaminando ciascun Paese singolarmente, lo studio Shell Drive On ha evidenziato alcune differenze marcate. Gli automobilisti polacchi sono risultati dinamici e decisi alla guida, ostentando la propria presenza su strada e cercando la perfezione nel loro approccio con l'auto (l'idagine associa in un gruppo comune i profili italiano e polacco). Gli automobilisti turchi invece sarebbero estroversi, individualisti e tenderebbero anche a cercare il brivido alla guida: il 25% dei guidatori turchi, infatti, ha affermato di apprezzare un viaggio in autostrada. Paesi Bassi e Belgio sono i Paesi degli automobilisti più amichevoli, concreti, responsabili e pragmatici: considerano la guida semplicemente come un modo per spostarsi dal punto A al punto B e amano condividere questa esperienza con gli altri. La cortesia sembrerebbe invece una virtù della Spagna – sempre secondo l'indagine Shell che definisce gli automobilisti spagnoli più cortesi e tranquilli: il 51% di loro si considera il perfetto automobilista urbano, rispettoso delle regole e degli altri. Gli inglesi sono automobilisti amichevoli e spensierati, che si sentono a proprio agio se sono in auto con i loro cari e  apprezzano le occasioni di guida familiare come andare a far la spesa nel fine settimana. I guidatori tedeschi sono molto “ordinati”, amano le esperienze già pianificate ed evitano la guida non programmata, tanto che il 44% degli automobilisti tedeschi dichiara di pianificare i propri spostamenti prima di mettersi alla guida. Tra gli automobilisti europei, i francesi sono gli esploratori, amano le occasioni in cui possono trovare e vedere luoghi nuovi, considerato che il 32% degli automobilisti transalpini dice di guidare piano durante l'attraversamento di nuovi luoghi in modo da poter ammirare il paesaggio. Ma gli italiani, popolo della Patria riconosciuta in tutto il mondo per le sue eccellenze ingegneristiche, che rapporto avranno con la guida dell'auto?

In fondo all'articolo potete scaricare i pdf con i risultati più chiari e completi

ITALIANI, ESPERTI E DINAMICI Nel nostro Paese – secondo il report Shell Drive On –  il segmento più rappresentativo è quello esperto (21,5%), si tratta di persone alla ricerca della perfezione, tendenzialmente come i polacchi ma con particolari esigenze di sicurezza e precisione nella gestione della guida; almeno così si identificano gli automobilisti italiani. Rispetto agli altri 8 Paesi coinvolti nella ricerca,  gli italiani si sarebbero mostrati più dinamici rispetto agli altri automobilisti europei (11,9 % contro la media del 10,1%). Sono guidatori piuttosto giovani (in media 37 anni, di cui il 64% è uomo e il 36% è donna) che amano l'adrenalina e che cercano esperienze che diano forti sensazioni. Ma c'è il rovescio della medaglia: secondo quanto rilevato nel corso delle interviste, il traffico è la condizione più frequente di guida degli automobilisti italiani, anche rispetto alle altre nazioni (44% contro il 26% della media europea). Dopo il traffico – guarda quali sono le 25 città al mondo più congestionate, recarsi al lavoro è la seconda situazione più frequente di guida. “Con la campagna Shell Helix UltraDrive On vogliamo celebrare e riaccendere la passione per la guida.- , ha dichiarato Roger Moulding, Vice Presidente Global Marketing and Sales di Shell per Europa, Russia e Africa – La nostra gamma di oli motore interamente sintetici incontra le esigenze di diversi profili di automobilisti in Europa, consentendo loro di godersi il massimo dalla guida,proteggendo il motore e massimizzandone le prestazioni”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Consiglio acquisto auto ibride fino a 40.000 euro

I fari a LED adattivi fanno l’86% di luce in più ma negli USA sono illegali

Guida autonoma: faremo il doppio dei viaggi in auto secondo uno studio