Il viaggio più lungo con un’auto elettrica: 3 anni e 95 mila km

Da Amsterdam a Sidney con una elettrica fatta in casa e spendendo solo 300 dollari per le ricariche. Ecco l'impresa di Wiebe Wakker

8 aprile 2019 - 17:38

Alla fine l’olandese Wiebe Wakker conclude la sua impresa. Partito 3 anni fa da Amsterdam ha compiuto un viaggio lungo 95.000 km con la sua auto elettrica. La sua Volkswagen Golf Variant convertita è stata in grado di accompagnarlo fino all’arrivo in Australia. L’avventura di 1.119 giorni è stata possibile grazie all’aiuto di circa 1.800 persone che hanno offerto a Wiebe corrente e cibo. L’auto utilizzata può percorrere 200 km con una singola carica e confrontando i chilometri con l’autonomia ci rendiamo conto dei numeri di questa impresa. Con la Golf così come uscita dalla fabbrica sarebbero serviti ben 6.785 litri di benzina per finire il viaggio. Insomma è stata anche l’occasione per fare due conti sulla convenienza economica delle EV.

DESTINAZIONE VIAGGIO

Wiebe Wakker alla fine ce l’ha fatta. La sua avventura on the road si è conclusa a Sydney in Australia dopo un viaggio lungo oltre tre anni. L’iniziativa “Plug Me In” organizzata da Wakker ha portato a compimento il percorso più lungo mai coperto a bordo di un’auto elettrica. Il progetto ha voluto educare e sensibilizzare anche le aree meno sviluppate del mondo al tema della tutela dell’ambiente. Wakker è partito dai Paesi Bassi il 15 marzo 2016 e ha trascorso ben 1.119 giorni sulla sua Volkswagen Golf Variant modificata. Il viaggio è durato oltre 95.000 km e ha attraversato 33 paesi. Oltre ad un gruppo di sponsor il progetto ha fatto affidamento sul sostegno di sconosciuti in tutto il mondo che hanno offerto, tramite il sito web ed i social, supporto ed aiuto.

VIAGGIO SOCIAL

Poco dopo le ore 14:00 australiane di domenica Wakker ha raggiunto Sydney tappa finale del suo viaggio. A scortarlo un corteo di auto elettriche che ha attraversato l’iconico Harbour Bridge della città prima di fermarsi davanti all’Opera House. Le difficoltà non sono certo mancate. I principali costi di Wakker sono stati per le riparazioni della sua auto elettrica che Wakker è riuscito sempre a coprire grazie al crowdfunding. Poco dopo la partenza del viaggio, in Danimarca, la Golf ha avuto un problema tecnico e la riparazione, costata 5.000 €, è stata possibile grazie a 10 giorni di crowdfunding. Durante il viaggio Wakker ha realizzato iniziative ecologiche e comunicato cosa significa guidare un’auto elettrica oggi. “La mia impresa ha dimostrato che la sostenibilità non deve essere noiosa, ma può essere interessante. Sono entusiasta di tornare dopo tre anni di viaggio, e non vedo l’ora di avere una base” ha commentato.

AUTO ELETTRICA FATTA IN CASA

Wakker ha attraversato una 33 Stati tra cui Turchia, Iran, India, Myanmar, Malesia e Indonesia, con la rotta che è stata determinata dalle offerte di ospitalità arrivate sul suo sito web. Protagonista della sua impresa una Volkswagen Golf Variant di sesta generazione. Il veicolo modificato può percorrere 200 km con una singola carica. Grazie all’aiuto dei tanti sostenitori Wakker dice di aver speso soltanto 300 dollari per le ricariche elettriche nel corso dei suoi 95.000 km. Va detto che alcuni ambienti desolati come il remoto deserto dell’Outback in Australia hanno messo a dura prova le batteria di questa auto elettrica fatta in casa. A conti fatti se l’auto non fosse modificata, avrebbe utilizzato 6.785 litri di benzina per completare il viaggio da Amsterdam a Sidney.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sharing monopattini elettrici Milano

Sharing monopattini elettrici: Milano detta le linee guida

Tariffe taxi da e per gli aeroporti

Tariffe taxi da e per gli aeroporti: quanto si paga in Italia

Auto elettriche e SUV: perché il costo dell’assicurazione è più alto