Hyundai: le impronte digitali per aprire l'auto e avviare il motore

La nuova Hyundai Santa Fe ha un lettore di impronte digitali a prova di manomissione, il sistema innovativo è già disponibile in Cina

19 dicembre 2018 - 19:06

Hyundai lavora all'inserimento di ulteriori features tecnologiche a bordo della Santa Fe. Il SUV più grande presente all'interno del listino del brand coreano, è pronto ad introdurre l'accensione e lo sblocco della vettura tramite l'utilizzo dell'impronta digitale del driver. La novità sarà, per il momento, lanciata sulle vetture destinate al mercato cinese. Si tratta di una features molto interessante perché consente di lasciare, almeno sulla carta, per sempre le chiavi dell'auto a casa. Hyundai conferma la grande affidabilità del sistema permette di gestire tutte le funzioni di bordo; ha un tasso di errore di 1 su 50.000 ed eguaglia la tecnologia Touch ID utilizzata sui dispositivi Apple. Insomma con l'impronta si controlla tutta l'auto e non si esclude in futuro anche il clima e lo sterzo.

AUTO A PORTATA DI DITA La nuova Hyundai Santa Fe può essere sbloccata e avviata con l'utlizzo della semplice impronta digitale. La nuova funzione arriverà, per il momento, solo sulle vetture distribuite in Cina. Nel corso di un recente evento organizzato dal brand nel paese asiatico, la casa automobilistica sudcoreana ha svelato ai presenti la nuova funzione opzionale. Mentre per ora solo i dealer cinesi saranno in grado di offrire questo accessorio, è del tutto possibile che la tecnologia sarà implementata nei prossimi modelli Hyundai venduti in tutto il mondo (Leggi dai uno sguardo alla gamma SUV Hyundai del 2019). I nuovi lotti della Hyundai Sante Fe sono forniti di lettori di impronte digitali sia sulla maniglia delle portiere che sul pulsante di accensione. L'auto è in grado, inoltre, di supportare più impronte digitali criptate. Questo permette di lasciare le chiavi a casa ed anche, a seconda dell'utilizzatore del veicolo, di trovare i sedili e l'angolazione degli specchietti retrovisori automaticamente nel propri preset ottimale.

RICERCHE IN CORSO Secondo Hyundai, un futuro aggiornamento del software di bordo potrebbe anche consentire al sistema biometrico di aggiungere impostazioni personalizzate di temperatura, umidità e sterzo. I sensori di impronte digitali a bordo della Hyundai Santa Fe differenziando i livelli di elettricità per riconosce in modo accurato le varie parti delle impronte digitali. Questa soluzione impedisce l'uso di impronte “artificiali” allo scopo di ingannare il sistema. La casa automobilistica afferma, con una certa soddisfazione, che il sistema ha un tasso di errore di 1 su 50.000 ed eguaglia la tecnologia Touch ID utilizzata sui dispositivi Apple. La gamma della nuova Hyundai Santa Fe è declinata negli allestimenti Xprime ed Excellence, con il listino prezzi che parte da 50.950 euro. (Leggi Hyundai Santa Fe evita l'abbandono dei bambini a bordo).

SICUREZZA AL VERTICE La sicurezza è al centro del progetto Santa Fe. La vettura ha ricevuto il massimo livello di sicurezza globale a cinque stelle nei test EuroNCAP (European New Car Assessment Programme). Il SUV di punta del brand coreano offre una vasta gamma di tecnologie di sicurezza attiva e di assistenza che includono lo Hyundai SmartSense che include, tra gli altri, il sistema anti-collisione posteriore in caso di retromarcia in aree con scarsa visibilità. Si tratta di un dispositivo che, non solo avvisa il conducente se ci sono veicoli che si avvicinano dal retro, ma esercita anche una pressione sui freni automaticamente. Un'ulteriore innovazione presente su Santa Fe è Safety Exit Assist, che previene gli incidenti quando ci sono veicoli che si avvicinano dal retro bloccando temporaneamente l'apertura delle porte per garantire che i passeggeri escano dal veicolo in totale sicurezza.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Batterie auto elettriche: 7 Paesi europei si uniscono per tagliare i costi

Auto usate: gli italiani hanno speso 7 mila euro in più nel 2018