Hyundai i30 SW ed FE Concept: per Andrea Crespi l'evoluzione di Hyundai

In un'intervista al Salone di Ginevra Hyundai ci ha spiegato cosa significano per il brand la nuova i30 SW ed il concept FE

10 marzo 2017 - 15:30

In un'intervista al Salone di Ginevra 2017 con Andrea Crespi, Managing Director del brand Hyundai, ci siamo lasciati spiegare quali saranno gli sviluppi prossimi e cosa c'è da aspettarsi nel futuro del brand coreano. Intanto abbiamo potuto toccare da vicino in occasione delle giornate stampa del Salone di Ginevra (leggi il nostro speciale sul Salone di Ginevra 2017 e guarda tutte le novità sotto i riflettori) la nuova Hyundai i30 Station Wagon ed il concept di auto ad idrogeno Hyundai FE Concept, novità interessanti che da un lato hanno ampliato l'offerta per la clientela e dall'altro hanno dimostrato lo stato dell'arte della tecnologia dei coreani.

LO STAND DI HYUNDAI Dopo aver presentato la Hyundai i30 cinque porte è arrivato il turno della versione station wagon, che non è tardata ad arrivare e si è presentata in occasione del Salone di Ginevra 2017 (leggi delle caratteristiche della nuova Hyundai i30 Station Wagon). Più capiente soprattutto nella parte del bagagliaio, ma con un occhio riservato anche ai sistemi di assistenza alla guida. A farle da spalla l'innovativo concept Hyundai FE, che propone quella che è l'interpretazione di Hyundai dell'alimentazione ad idrogeno, per avviarsi verso un futuro fatto da auto che non emetteranno più particolato nell'aria.  

Da un mondo che ormai è dominato da una forte richiesta di SUV si inserisce la i30 station wagon. L'amministratore delegato di Volvo America ha predetto che tra qualche anno ci sarà un ritorno alle sportwagon, quindi c'è necessità di queste linee sportive ma funzionali. Come Hyundai vede la i30 in questo contesto e si trova in accordo con la sua visione?

Oggi nel segmento delle medie compatte si vendono 250.000 veicoli, un'enormità per il mercato italiano. Pur rispettando l'enorme domanda di SUV, vetture di successo perché hanno acquisito una forte guidabilità offrendo tantissima versatilità, c'è comunque una forte domanda che permane sulle medie compatte, per questioni di dimensioni così come utilizzo di spazi, che su i30 sono sicuramente maggiori di quelli di un SUV. Crediamo che il nostro lavoro sia quello di portarle ad essere confrontate con quelle più blasonati ed affermate, e penso ci siamo riusciti con la famiglia 30. Non crediamo mai nella morte di un segmento, di una formula o di un'alimentazione, ma penso che il mercato sia così ampio e grosso che ci siano tantissime esigenze in gioco. La vera sfida è avere un marchio e gli investimenti giusti per poter offrire una gamma articolata che comprenda i SUV, le 5 porte e le wagon, così da far scegliere al cliente.

Come SicurAUTO.it l'occhio è verso la sicurezza. Con la i30 SW in che ottica avete lavorato?

Con la filosofia che è entrata dal lancio della IONIQ, che poi si sta portando su tutte le altre vetture. Sulla nuova Hyundai i30 abbiamo già dalla versione di ingresso l'AEB, quindi la vettura frena automaticamente in presenza di un ostacolo come un pedone. Abbiamo anche il mantenimento della carreggiata, sempre di serie fin dal modello di entrata, ed anche il drive alert, quindi la vettura segnala momenti di stanchezza o non attenzione da parte del guidatore, consigliando di fermarsi. Poi ovviamente ci sono ulteriori pacchetti di sicurezza con i quali si completa tutta l'offerta di sicurezza attiva e passiva, per esempio con il Blind Spot Detection oppure il poter segnalare veicoli che si incrociano in uscita da un parcheggio. Sono tutte dotazioni di tecnologia che oggi probabilmente troviamo su veicoli di grado superiore ma che sono presenti anche su una media compatta. Naturalmente anche qui entriamo nel discorso dei cruise control adattivi quindi, per farla breve, diremmo il top della sicurezza attiva e passiva disponibile su questo segmento.

Tutto questo fa già parte di quello che è lo Hyundai Smart Sense oppure questo ha debuttato direttamente sul concept FE?

Pensiamo che questa sia la direzione di evoluzione delle vetture. Oggi questo tipo di tecnologie è presente su IONIQ e i30, ma prestissimo anche sul resto della gamma. C'è una tecnologia su queste vetture che, di fatto, supporta il guidatore in una maniera che non ha mai fatto prima.

FE Concept: oltre alla tecnologia idrogeno anticipa anche il prossimo corso stilistico di Hyundai?

Il design per noi è sempre importantissimo, quindi penso che ciò che vediamo qui sullo stand di Ginevra dell'FE (il design, ndr) possa essere interpretato come un linguaggio che vedremo molto presto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cupra Born elettrica al top nelle prove di Green NCAP

Sciopero 10 ottobre 2022

Sciopero 10 ottobre 2022 trasporto pubblico: orari e fasce garantite

Giovani al volante: perché non rispettano le regole?