Honda sviluppa il primo Cruise Control Adattivo Intelligente

Il nuovo sistema i-ACC è in grado di rilevare la probabilità che un veicolo tagli la strada provenendo da un'altra corsia

9 gennaio 2015 - 18:24

Basato su ricerche condotte in situazioni reali con riferimento ai comportamenti di guida europei, il Cruise Control Adattivo Intelligente di Honda “porta i sistemi di controllo adattivo della velocità di crociera a un livello completamente nuovo, offrendo ciò che definiamo sicurezza preventiva”. Con queste parole il Dr. Kleinehagenbrock, responsabile del sistema i-ACC presso Honda R&D Europe, ha definito il nuovo sistema i-ACC che è il risultato di un progetto di Ricerca e Sviluppo eseguito da un team internazionale di Honda in Europa e in Giappone ed è stato pensato specificatamente per le strade europee. Debutterà quest'anno sulla versione europea del nuovo CR-V (ma solo per l'allestimento Executive), ed è stato sviluppato sul tradizionale sistema di Controllo Adattivo della velocità (leggi qui come funziona).

IL PERICOLO DELLE ALTRE CORSIE – Utilizza una telecamera e un radar a medio raggio per rilevare la posizione di altri veicoli sulla strada. Dopodiché applica un algoritmo per calcolare le probabilità che altri veicoli nelle corsie vicine taglino la strada, valutando le relazioni tra più veicoli, consentendo all'auto che ne è equipaggiata di reagire velocemente, in modo semplice e sicuro. La differenza più grande è che quest'ultimo è in grado di mantenere solo una velocità longitudinale preselezionata, che viene ridotta per mantenere la distanza di sicurezza dal veicolo che precede.

SE UN'ALTRA AUTO TAGLIA LA STRADA – Tuttavia, se un veicolo taglia la strada venendo da una corsia vicina il sistema ACC tradizionale reagisce in ritardo, causando una frenata più brusca. Invece, il nuovo i-ACC è in grado di rilevare la probabilità che un veicolo tagli la strada fino a cinque secondi prima che accada, e pertanto è progettato per reagire molto tranquillamente in modo da non spaventare il guidatore, che potrebbe non essersi ancora reso conto dell'imminente avvicinamento dell'altro veicolo.

COME FUNZIONA – In questo caso, il sistema inizialmente applica solo una frenata leggera e sul display del guidatore appare un'icona che lo informa della causa del rallentamento. Il sistema quindi applica una frenata più forte per adattare la velocità in modo da mantenere la distanza di sicurezza. Infatti l' i-ACC riconosce il lato della strada in cui si trova il veicolo equipaggiato (che si tratti di un veicolo con guida a sinistra o destra) e rileva automaticamente quale fra i veicoli vicini costituisce il rischio maggiore a cui è necessario prestare attenzione.

LA TERZA GENERAZIONE DEI CRUISE CONTROL – In attesa di provare il nuovo sistema di sicurezza attiva firmato Honda, si può affermare che i sistemi di cruise control sono entrati ufficialmente nella loro terza generazione. Dopo quelli basici (che potrebbero anche far venire sonno a chi guida), che sono solo in grado di mantenere la velocità impostata, sono arrivati quelli attivi, che monitorano l'auto che precede. Ora, ecco il cruise control in grado di reagire ai tagli di corsia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete