Guida Accompagnata e “foglio rosa”: non confondetevi

Ci sono differenze sostanziali fra la Guida Accompagnata dei 17enni e il "foglio rosa" dei 18enni

17 aprile 2012 - 6:56

La Guida Accompagnata per i 17enni entrerà in vigore il 23 aprile: occhio, c'è la possibilità di confondersi con una regola simile, quella del “foglio rosa” dei 18enni, documento che dà diritto a esercitarsi al volante. Ecco invece le differenze cui stare molto attenti.

REQUISITI – A parte, ovviamente, l'età minima (17 anni per la Guida Accompagnata e 18 per il “foglio rosa”), i minorenni devono essere titolari della patente A1 per le moto, non avere provvedimenti ostativi in corso sulla patente posseduta (sospensione, revoca), aver frequentato (presso un'autoscuola) un corso pratico di guida di almeno 10 ore. Invece i maggiorenni devono aver superato l'esame di teoria (mentre il corso di guide certificate in autostrada o su strade extraurbane e in condizioni di visione notturna è quasi operativo). Con la Guida Accompagnata, c'è la possibilità di esercitarsi fino al compimento del 18° anno d'età; col “foglio rosa”, ci si può esercitare per solo sei mesi, a partire dalla data di superamento dell'esame di teoria.

AUTO, È CAOS – Per la Guida Accompagnata, l'auto deve avere una potenza massima di 70 kW e con potenza specifica, riferita alla tara, fino a 55 kW/t. Invece, il 18enne col “foglio rosa” può guidare qualsiasi macchina. Il paradosso (o l'errore legislativo…) è che, una volta ottenuta la patente B per le auto, il neopatentato avrà di nuovo il limite di potenza motoristica: il rapporto di 55 col massimo di 70 kW.

ATTENZIONE ALL'ACCOMPAGNATORE – Gli accompagnatori designati della Guida Accompagnata (ci si perdoni l'inevitabile gioco di parole) indicati nell'autorizzazione devono avere un'età massima 60 anni (tale limite non si applica agli istruttori di scuola guida), essere titolari di patente B o di categoria superiore, conseguita da almeno 10 anni, e non aver subìto, negli ultimi cinque anni, provvedimenti di sospensione della patente. Invece, il 18enne col “foglio rosa” può avere un numero indefinito di accompagnatori, ma con età massima di 65 anni (tale limite non si applica agli istruttori di scuola guida), che siano titolari di patente B da almeno 10 anni (se di categoria superiore non occorre il previo possesso della patente da almeno 10 anni).

CONTRASSEGNO – Non ultimo, il 17enne guida un'auto munita (sia davanti sia dietro) di pannelli recanti le lettere “GA”, di colore nero su fondo giallo retroriflettente; invece, il 18enne ha pannelli recanti la lettera “P”, di colore nero su fondo bianco retroriflettente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

10 errori da non fare quando si porta l’auto in officina

Le auto più vendute in Europa sono sempre più ibride, elettriche e a gas

10 errori da non fare con il rifornimento fai da te