Gli italiani perennemente in cerca di parcheggio

Un sondaggio di Direct Line racconta il rapporto degli italiani con il parcheggio

16 aprile 2012 - 12:25

La vita dell'automobilista non è semplice, tanto da essere quasi frustrante. Parliamo per esempio del costo eccessivo del carburante, 50 euro per 25 litri, le code interminabili in tangenziale, in città o al casello dell'Autostrada, la pioggia dieci minuti dopo aver portato la macchina a lavare, gli autovelox nascosti, i semafori infiniti, i pedoni che si buttano in mezzo alla strada, i ciclisti che cambiano corsia all'improvviso e poi, quando la giornata è finita e l'automobilista vuole solo andare a casa, manca solo un ultimo ostacolo: il parcheggio.

GLI ITALIANI E IL PARCHEGGIO  – La ricerca del parcheggio può essere paragonata ad una battuta di caccia, una sorta di guerra senza regole, un tutti contro tutti che Direct Line ci racconta attraverso un sondaggio del suo Centro Studi e Documentazione. Gli italiani, si sa, sono un popolo di passionali, tanto che, il 57% di loro ammette di litigare per il parcheggio. Ma quali sono le motivazioni che scatenano queste discussioni?

PARCHEGGIO SELVAGGIO – Una delle principali motivazioni che inducono gli italiani ad urlarsi contro è il parcheggio in doppia fila, il 56% degli intervistati ammette, infatti, di non sopportare quegli automobilisti che abbandonano la loro auto, per mezz'ora, bloccando i veicoli altrui. Ci sono poi quelli che parcheggiano così male da occupare due posti disponibili, facendo infuriare il 40% degli italiani. C'è poi un 39% che proprio non sopporta i furbi che all'ultimo si fregano il parcheggio. La maleducazione e il menefreghismo sono sicuramente due elementi che fanno infuriare gli automobilisti corretti, il 68% di loro infatti dichiara di indignarsi, giustamente, per chi parcheggia nelle aree riservate ai portatori di handicap, mentre il 57% trova davvero fastidiose le auto in sosta sui marciapiedi che impediscono ai pedoni di circolare liberamente.

ODIARE LA DOPPIA FILA – Il sondaggio di Direct Line mette in evidenza anche un differenziazione per fasce di età, il 71% degli under 25 per esempio non sopporta chi parcheggia in doppia fila, il 62% degli over 45 prova fastidio per i parcheggi abusivi sui passi carrabili e il 54% dei 25-35enni mal sopporta i parcheggi dai quali è difficile uscire.

COME RISOLVERE LA SITUAZIONE – La compagnia di assicurazioni ha chiesto agli italiani come risolvere una situazione tanto complessa e il 34% di loro ha risposto che inasprirebbe le multe rendendole più salate, mentre il 31% farebbe rimuovere dal carroattrezzi tutte le auto parcheggiate scorrettamente. Il 12% degli intervistati propone di decurtare punti dalla patente e il 10% consiglia addirittura una pena pari ad una settimana di servizio civile come ausiliario del traffico. 

A MALI ESTREMI, ESTREMI RIMEDI – Il sondaggio ha evidenziato che il 10% degli intervistati ammette di difendere il proprio posto auto ad ogni costo, per esempio con i bidoni della spazzatura o coni di plastica. Ci sono poi gli affezionati al posto auto sotto casa, il 58% degli italiani ammette di irritarsi se lo trova occupato e il 27% degli intervistati è addirittura convinto che, anche se si tratta di un parcheggio pubblico, in realtà gli spetti di diritto. “Sappiamo bene che il problema del parcheggio è molto sentito, soprattutto nelle grandi città italiane. – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Direct Line – In ogni caso raccomandiamo di parcheggiare sempre in modo responsabile, rispettando non solo il codice della strada ma anche alcune regole di buona educazione: ricordiamoci ad esempio che parcheggiare in seconda fila può essere molto pericoloso per i pedoni, per i ciclisti e per chi guida. Parcheggiare non deve diventare una guerra e i comportamenti virtuosi alla guida, d'altronde, premiano sempre in termini di sicurezza e minori costi sociali.”

Cercare parcheggio può essere davvero frustrante, ecco perché per rilassarvi vi proponiamo questo simpatico video:

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incendi auto elettriche: in USA obbligo sprinkler anche all’aperto

Prezzo benzina oggi: quanto costa dopo l’aumento delle accise?

Autolavaggi in zona: come trovarli online