Ford sviluppa l’agoritmo per la posizione migliore delle colonnine di ricarica

Senza colonnine e infrastrutture adeguate le auto elettriche non avranno successo. Ford sviluppa un algoritmo per un sistema efficiente

9 aprile 2019 - 19:15

Sono in molti ad esserne convinti. Le auto elettriche avranno successo quando saranno facili da usare. Quando cioè, saranno utilizzabili senza troppe preoccupazioni. Preoccupazioni che, nella maggior parte dei casi, sono legate a facilità e tempi di ricarica. Ford è andata oltre a questo assunto e ha studiato un sistema per progettare la dislocazione più efficiente delle colonnine. Queste, infatti, rappresentano il metodo di ricarica più veloce.

UN MILIONE DI KM DI TEST

Per mettere a punto l’algoritmo che ha permesso di definire quale sia il modo migliore di distribuire le colonnine sul territorio, Ford si è basata sui dati raccolti in oltre un milione di chilometri percorsi. Non solo. I ricercatori della Casa dell’Ovale Blu hanno anche tenuto in considerazione l’ubicazione dei punti di ricarica già esistenti per capire come questi vengono utilizzati dagli automobilisti.

LA RICARICA “ON THE GO”

Dallo studio è emerso che chi guida un’auto a zero emissioni è incentivato a percorrere più km se ha maggiore facilità di raggiungere un punto di ricarica durante il proprio tragitto. Si tratta della cosiddetta ricarica “on-the-go”. Per favorire l’efficienza nel trasporto elettrificato, Ford è intenzionata a investire non solo nei veicoli di nuova concezione, come dimostra ad esempio la nuova Kuga, ma anche nelle infrastrutture.

LONDRA CITTÀ PULITA

Ford ha analizzato con particolare attenzione i dati raccolti da una flotta di 20 Transit Custom Plug-in Hybrid utilizzati a Londra. Lo studio ha mostrato come gli utilizzatori dei veicoli commerciali ibridi abbiamo b ad usare in modo più efficiente i punti di ricarica disponibili. Lo hanno fatto sfruttando con maggiore frequenza quelli presenti presso i depositi o le loro abitazioni private. Meno attraenti, invece, le colonnine pubbliche. Il progetto ha rilevato inoltre che i veicoli ibridi, in media, affrontano la giornata lavorativa partendo da una carica di circa il 45%. Per questo motivo, i tecnici Ford, hanno pensato che una maggior diffusione di colonnine rapide sui percorsi abituali dovrebbe migliorare ulteriormente l’utilizzo della componente elettrica dei veicoli ibridi, al momento utilizzata per il 35% del totale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

E-Gap, come funziona la ricarica mobile per auto elettriche?

Bollo auto: condono per chi non l’ha pagato dal 2000 al 2010

In Italia la prima auto si possiede a 22 anni e per il 66% è usata