Ford: in arrivo il controllo vocale antistress che coccola il guidatore

Dal Ford SYNC 3 si arriverà ad un vero e proprio assistente personale, che regolerà media e luci per garantire il benessere del conducente

22 febbraio 2017 - 12:16

L'avvento della tecnologia di riconoscimento vocale sulle auto è stato un grande passo avanti per la sicurezza, poiché ha permesso di evitare distrazioni che avrebbero potuto portare a degli incidenti. Adesso si può chiedere all'auto di chiamare un contatto in rubrica direttamente impartendo un comando vocale, ma in futuro l'idea di Ford è quella di creare un'auto che possa apprendere il carattere del conducente, riconoscendo le espressioni facciali ed il tono della voce. L'obiettivo potrebbe essere raggiunto nel prossimo quinquennio, come evoluzione dell'attuale Ford SYNC 3 (leggi la nostra prova su strada della Ford Mustang con sistema SYNC 3).

I COMANDI VOCALI Ad oggi le auto possono già portare a termine numerose azioni grazie ai comandi vocali, come il chiamare una persona, il cambiare stazione radio oppure il far partire la navigazione verso una data destinazione. Molte delle possibilità o limitazioni sono lasciare al singolo software utilizzato dai Costruttori, ma Ford ha cominciato a lanciare una pietra per definire lo step successivo: le auto potranno riconoscere lo stato d'animo del conducente, diventando così più empatiche ed…umane.

L'AUTO CHE TI CAPISCE Il colosso americano Ford è al lavoro con l'Università di Aachen per cercare di sviluppare un software che permette il riconoscimento delle espressioni facciali. Secondo quanto riporta il Costruttore una tale tecnologia potrebbe essere implementata sulle proprie auto, che ad oggi sono arrivate a montare il sistema avanzato SYNC 3 (leggi come funziona il sistema Ford SYNC 3 e qual è il motore alla base del suo funzionamento), a partire dal 2022, rendendo di fatto possibile la trasformazione da semplice mezzo di trasporto a vero e proprio assistente personale. La tecnologia in cantiere sarà basata su una serie di microfoni e telecamere, che oltre alle espressioni del viso potranno riconoscere anche le inflessioni della voce, naturalmente influenzata dal proprio stato d'animo.

ASSISTENTE PERSONALE Dopo un periodo di apprendimento, durante il quale l'auto avrà la necessità di immagazzinare una serie di dati in merito al comportamento del conducente, le possibilità e le potenzialità del sistema possono diventare virtualmente infinite (leggi della carica di auto che capiscono il guidatore, tecnologie che abbiamo cominciato a vedere al CES). Ford ha dichiarato che l'auto potrebbe avviare in automatico una canzone per cercare di dare la carica in momenti di abbattimento, così come spegnere tutti i dispositivi quando capisce che si preferisce il silenzio. Anche gli altri apparati dell'auto potranno interfacciarsi con il software, come la colorazione dell'illuminazione ambientale ad esempio, ma tale tecnologia potrebbe addirittura lavorare in autonomia, suggerendo soluzioni a chi guida: prenotare un pasto take away quando si è imbottigliati nel traffico è uno di questi casi. Alcune delle novità, così come i traguardi raggiunti, saranno svelati direttamente dal brand dell'Ovale Blu la settimana prossima, in occasione del Mobile World Congress di Barcellona.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage