Famiglie svedesi e guida autonoma: parte il Drive Me di Volvo

Famiglie svedesi e guida autonoma: parte il Drive Me di Volvo Comincia in Svezia il programma Drive Me di Volvo. Verranno testate le attuali tecnologie sulla guida autonoma e registrati i dati sulla guida

Comincia in Svezia il programma Drive Me di Volvo. Verranno testate le attuali tecnologie sulla guida autonoma e registrati i dati sulla guida

13 Dicembre 2017 - 12:12

In Svezia Volvo ha inaugurato il suo servizio Drive Me, che rientra nel programma di guida autonoma della Casa svedese, e per svilupparlo ha coinvolto, per ora, due famiglie svedesi. Il programma non solo servirà per potenziare al meglio i radar e sensori attualmente prodotti, ma anche a registrare i dati sulla guida, raccogliendo utili informazioni che poi verranno inserite nei software per finalizzare ed ottimizzare le tecnologie di guida autonoma. Le vetture utilizzate in questo programma sono delle XC90 equipaggiate con tutte le attuali tecnologie sviluppati da Volvo, e che accoglieranno anche i futuri sistemi ancora in fase di sviluppo.  

2 FAMIGLIE COINVOLTE NEL PROGETTO Per ora sono solo due le famiglie coinvolte in questo programma di Volvo, ma presto verranno raggiunte da altre. È ufficialmente cominciato il programma Drive Me di Volvo – qui il nostro approfondimento in materia – che per sviluppare i propri software e sistemi per la guida autonoma è ricorsa all'aiuto delle famiglie svedesi. In cosa consiste questo programma? Le famiglie partecipanti a questo progetto dovranno testare le vetture dotate dei radar e sonar che Volvo sta sviluppando negli ultimi, su strada e nella vita di tutti i giorni. In questo modo non solo verrà testata la bontà di tali sistemi, ma la Casa svedese potrà registrare il comportamento reale alla guida, aggiornando di conseguenza i propri software.

VERRANNO REGISTRATI I DATI SULLA GUIDA DEI PARTECIPANTI Il grande vantaggio sta proprio in questo, ovvero l'apprendimento in modo diretto dei comportamenti delle persone alla guida, affinando le proprie tecnologie. Anche perché Volvo prevede l'introduzione sul mercato di un'auto a guida completamente autonoma già nel 2021 – in questo sarà importantissima anche la partenrship con Uber -, e in questo il programma Drive Me ha un'importanza cruciale: “Drive Me è un progetto di ricerca importante per Volvo Cars” spiega Henrik Green, Senior Vice President della divisione R&S di Volvo. “Prevediamo di ottenere moltissime informazioni grazie al coinvolgimento di queste famiglie e utilizzeremo le loro esperienze per indirizzare lo sviluppo della nostra tecnologia di guida autonoma, così da essere in grado di offrire ai nostri clienti vetture totalmente autonome entro il 2021”. 

2 XC90 DOTATE DI TUTTI I SISTEMI ATTUALMENTE PRODOTTI Vere protagoniste di questo test sono le Volvo XC90 dotate di tutte le tecnologie di assistenza alla guida già sviluppate dalla Casa svedese. Telecamere, sensori e radar sono gli apparati presenti sul SUV, atti a monitorare il comportamento dell'auto e del guidatore. Inizialmente il programma prevede una guida completamente manuale, che via via andrà a passare alla guida completamente autonoma. Solo in ultima istanza, quindi una volta raggiunta la piena guida autonoma, le auto verranno supervisionate da uno specialista di sicurezza di Volvo.

Commenta con la tua opinione

X