Emissioni auto: l'SCR salverà i diesel del futuro?

Ford si allea con Volkswagen e PSA per aumentare la pulizia dei suoi diesel con il sistema SCR. Questa tecnica non è facile per le auto piccole

9 maggio 2016 - 23:07

La bussola non indica più la “N” del Nord ma la “S”: del Sud? No, dell'SCR, il dispositivo di abbattimento degli ossidi d'Azoto che viene sempre più visto come la direzione giusta da seguire per evitare altri scandali come il Dieselgate. Ad abbracciare questa tecnologia è ora anche Ford.

SI FANNO PROSELITI La notizia è fresca: Ford Motor ha stretto accordi con il Gruppo Volkswagen e PSA (il gruppo francese ha adottato il sistema già da tempo, anche nella compatta DS3 con fari full LED) in vista del passaggio ad una tecnologia molto efficace nella pulizia delle emissioni dei motori diesel. La Casa di Dearborn ha infatti dichiarato che il suo nuovo motore diesel da 2 litri EcoBlue utilizzerà la tecnologia di riduzione catalitica selettiva (SCR) per ridurre le emissioni degli NOx. Ricorderete che il Gruppo Volkswagen aveva dichiarato che i suoi Euro 6 fossero “puliti” ma l'emergere di altre circostanze aveva fatto sorgere sospetti anche sui nuovi EA 288 con SCR: il consumo di urea era così alto che il sistema SCR veniva usato ben al di sotto delle sue potenzialità per non costringere gli automobilisti a rabbocchi troppo ravvicinati. Ford, che attualmente utilizza le “trappole” LNT (Lean NOx Trap) per ridurre le emissioni inquinanti dei suoi motori diesel, ha infatti dichiarato che il nuovo EcoBlue 2.000, che sostituirà il suo attuale TDCI con la stessa cilindrata, avrà la Selective Catalytic Reduction; al momento non si sa ancora in quali modelli questa unità verrà montata.

ANCHE PER LE COMPATTE? La Casa prevede inoltre di introdurre un 1,5 litri diesel EcoBlue dal 2017, configurabile per adottare entrambi i sistemi, LNT e SCR (leggi i test condotti in Francia per le emissioni effettive di 52 auto che usano EGR, LNT e SCR). Sulla falsariga di quanto fatto da Mercedes con i suoi nuovi OM 654, anche l'EcoBlue da 2 litri riduce anche le emissioni di CO2 fino al 13% grazie ad una certosina riduzione delle perdite causate dagli attriti interni. L'unità è dichiarata essere anche più silenziosa e nelle automobili (esso sarà montato anche nei commerciali) potrà erogare più di 200 CV. Ford continuerà probabilmente ad utilizzare le trappole LNT nei suoi motori diesel più piccoli, nonostante i progressivi inasprimenti delle norme sulle emissioni previsti dai regolatori dell'Unione Europea. Esplicite, in tal senso, le parole di Joe Bakaj, il capo dello di sviluppo del prodotto Ford in Europa: “le norme più rigorose di test di emissioni dei veicoli non significano necessariamente che tutti i veicoli diesel avranno bisogno della tecnologia SCR. Questo dipenderà anche dal peso del veicolo e dal carico”. In effetti i motori più sollecitati emettono più NOx (leggi come funziona l'SCR) perché l'Azoto è un gas inerte e per “convincerlo” a legarsi con l'Ossigeno ci vogliono temperature elevate: un motore installato in una vettura compatta sarà poco spremuto e la sua pulizia potrà essere assicurata anche da una LNT.

SCR A MACCHIA D'OLIO? I tecnici del gruppo Peugeot Citroen avevano quindi visto lontano, nel 2013, quando hanno iniziato ad introdurre l'SCR con l'idea di adottare questa tecnologia in tutta la gamma dei diesel. Gli analisti di Frost & Sullivan prevedono che la penetrazione dei sistemi SCR nei veicoli diesel in Europa balzerà al 34% nel 2021: un bel salto dall'8% del 2014. L'SCR è considerato molto più efficace nel ridurre le emissioni di NOx rispetto alla LNT – secondo Frost & Sullivan può abbattere gli NOX del 90% – ma è più costoso e non semplice da inserire in un'automobile, soprattutto se di dimensioni limitate. La sua scarsa diffusione non è però dovuta soltanto a questo: il suo serbatoio di urea ha bisogno di rabbocchi periodici e questo lo ha ulteriormente sfavorito rispetto alle trappole LNT, virtualmente esenti da manutenzione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Top Employers: le migliori aziende automotive in Italia 2022

Mustang Mach-e: come non rimorchiarla in caso di panne

Green Pass per fare benzina

Green Pass per fare benzina? Cosa prevede il DPCM 21/1/2022