Effetto dieselgate: l'EPA rallenta i nuovi modelli BMW negli USA

L'Agenzia per l'ambiente USA sta passando ai raggi x le emissioni dei motori diesel di 4 nuovi modelli BMW e fa slittare il lancio

21 luglio 2016 - 11:28

Lo scandalo dieselgate sollevato da Volkswagen lo scorso autunno (leggi i modelli Volkswagen coinvolti nel richiamo) continua a portare i propri strascichi, tanto che l'agenzia ambientale americana EPA ha cominciato ad essere più restrittiva sui test di omologazione per i motori diesel. In questo contesto la BMW si è vista ritardare l'approvazione di ben quattro modelli prossimi al lancio, fattore che porterà conseguenze e slittamenti della data di lancio prevista.

QUATTRO BMW BLOCCATE L'agenzia americana EPA (Environmental Protection Agency) sta conducendo dei test supplementari che hanno chiamato in causa quattro modelli di BMW che equipaggiano motori diesel: la 328d sedan, la 328d Sports Wagon ed i crossover X3 xDrive28d e X5 xDrive35d. Le prove addizionali non mettono in dubbio che i motori possano superare le verifiche tecniche e rientrare nei limiti massimi di emissioni previsti, ma considerando lo strascico che lo scandalo dieselgate (leggi dell'accordo tra VW e gli USA dopo lo scandalo dieselgate) ha lasciato negli USA vogliono procedere con i classici piedi di piombo.

RITARDI SUI LANCI BMW non aveva preventivato una serie di controlli supplementari per le proprie auto ed i propri motori, così adesso si è trovata a dover modificare la scaletta di lancio dei modelli in base alla previsione di delibera omologativa, con l'ovvia conseguenza di accumulare dei ritardi. Secondo quanto riportato da Automotive News la Casa ha comunque dichiarato che “alla luce dei recenti avvenimenti le agenzie stanno richiedendo più tempo per certificare i motori negli Stati Uniti, ma non ci sono presupposti per i quali i motori di BMW non debbano rientrare negli standard imposti di emissioni oppure montino un defeat device”.

IL DIESELGATE PESA ANCORA Con la faccenda dieselgate non ancora del tutto conclusa ed i richiami non avviati in modo capillare ed efficace ovunque (leggi della partenza del richiamo per VW ma senza garanzia sulle prestazioni e della KBA che ha sbloccato finalmente il richiamo della Passat) una pesante ascia pende sui motori diesel e sul loro credito negli USA: sono nell'occhio del ciclone ed il controllo serrato da parte della EPA è solo l'ultimo degli ostacoli che si trovano a fronteggiare i Costruttori per riuscire a commercializzare tali propulsori in America.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto nuove, prezzi sino a +24% rispetto al listino negli USA

Trasporto auto elettriche: servono navi speciali “antincendio”

Auto nuove: i sistemi di sicurezza fondamentali per Global NCAP