Cosa c'è di più assurdo che farsi ammazzare per divertimento? Il video shock

La polizia di Losanna ha diffuso un video-shock, che vede come protagonista un giovane per richiamare l'attenzione sui pericoli della distrazione

11 maggio 2015 - 17:00

Il filmato inizia con un ragazzo come tanti, Jonas, che cammina spensierato con il cellulare collegato agli auricolari, mentre un uomo seduto in un ufficio ne descrive i gusti musicali e la sua passione per le chat. A un certo punto la suadente voce narrante preannuncia che Jonas sparirà entro pochi istanti con un numero di magia. E' la cinica trovata della Polizia di Losanna per avvertire i pedoni del rischio che corrono attraversando ad occhi chiusi. Banale? Provate a guardare il video stucchevole sotto.

SHOCK A FIN DI BENE – La distrazione sulle strade è l'argomento di uno spot diffuso dalla polizia di Losanna: l'inizio è quello che abbiamo anticipato mentre l'epilogo è scioccante, provocatorio e intriso di humor nero pur nella descrizione di una tragedia. Sono molte le campagne sulla sicurezza stradale che scelgono una comunicazione visuale molto forte, con i creativi a volte sottili e a volte molto più espliciti, ma lo scopo è sempre quello di associare il messaggio ad un'emozione forte, che può arrivare ai limiti del raccapriccio e dell'angoscia. Lo spot che potete visionare qui di seguito sceglie immagini esplicite per enunciare le possibili, a volte irreparabili conseguenze del camminare senza dedicare la dovuta attenzione al traffico.

DAL DIVERTIMENTO ALLA TRAGEDIA IN UN ATTIMO – Non tutti conoscono il francese ma niente paura: qui di seguito descriviamo i passaggi più importanti pronunciati dalla voce narrante, che inizia descrivendo il giovane protagonista. Jonas è un fan del rap, del Rhythm & Blues e della musica elettronica in generale; lui ama molto anche chattare con gli amici. La voce continua: “Jonas non conosce nulla della magia e perciò sta per sparire nel giro qualche istante… Attenzione… voila, è sparito!”. Durante quest'ultima parte del dialogo si vede Jonas attraversare distrattamente la strada proprio mentre arriva un furgoncino che lo travolge e lo fa sparire letteralmente dalla scena. Il suadente personaggio che commenta la scena, per nulla turbato (il contrasto con l'orrore degli altri pedoni è stridente), spiega come chiunque potrebbe realizzare un numero del genere: “è sufficiente avere un cellulare, ascoltare musica, leggere messaggi, chattare e, soprattutto, essere distratto”. Ben presto, al di là dello sgomento, si capisce perché la persona che commenta l'episodio è così compassata, quasi contenta: lui volta le spalle sulla sedia girevole, l'inquadratura si allarga e si vede che è il titolare dell'impresa di pompe funebri Anastase, nel cui logo campeggia un cellulare con tanto di croce funebre sul display.

CAMPAGNE CHE TURBANO PER ESSERE EFFICACI – Il messaggio è evidente: i cellulari allontanano la noia, con loro puoi sentire la musica, chattare e navigare sul Web ovunque: al mare, in metropolitana, sul traghetto, per strada. Il divertimento però si paga con la pericolosa moneta della distrazione e, a volte, con una tragedia. Questi filmati-shock non sono certo nuovi: basta ricordare il video shock di chi con un sms saluta i suoi amici per sempre, ma lo intuisce troppo tardi e l'esperienza di chi ha provato a schiantarsi con l'auto contro un albero ma richiamano l'attenzione sulla distrazione provocata dai cellulari. SicurAUTO.it continuerà a darne notizia perché i temi della sicurezza giustificano qualsiasi mezzo per essere ribaditi, incluse campagne di sensibilizzazione che lasciano il segno.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggiare in autobus è sicuro

Incidenti con autobus -4,5%, nel 2018 calano più degli autocarri

Pedoni regole per attraversare la strada

Pedoni: le regole per attraversare la strada

ADAS obbligatori dal 2022: l’elenco ufficiale va in Gazzetta UE