Continental: nuovo stabilimento in Thailandia da 4 milioni di gomme l'anno

Continental punta ai mercati dell'area Asia Pacifico e investe 250 milioni per una nuova fabbrica in Thailandia, 4 milioni di gomme a partire dal 2022

27 gennaio 2017 - 9:00

I mercati asiatici, sconfinati e in crescita, continuano ad essere la terra promessa per i costruttori d'auto e per i produttori di componentistica automotive. Continental ha deciso di creare un avamposto produttivo in estremo oriente e ha individuato nella Thailandia lo Stato asiatico sul cui territorio costruire ex novo un nuovo stabilimento. Il Gruppo tedesco ha stanziato un investimento iniziale di 250 milioni di euro per la fabbrica tailandese la quale potrà rapidamente produrre 4 milioni di gomme l'anno destinate al mercato PLT (Passengers and Light Truck).

LA NUOVA FABBRICA E' IL TASSELLO DI UN PROGETTO GLOBALE Continental si è autoimposta il piano di crescita denominato Vision 2025, un percorso evolutivo volto al miglioramento delle strutture produttive e al consolidamento della posizione del brand tra i leader mondiali del mercato degli pneumatici. Uno degli step di Vision 2025 è l'espansione a oriente per produrre nel cuore dei mercati automobilistici dell'area APAC (Asia-Pacifico) e Continental ha deciso di compiere il passo insediandosi in Thailandia per costruire un nuovo stabilimento partendo da zero. Il costruttore ha già identificato il sito nel quale far sorgere il nuovo impianto, Continental sottolinea che nella definizione del progetto è stato determinante il supporto del Governo tailandese con il quale si profila una lunga e proficua collaborazione (Sapevi che Continental investe anche sulle auto elettriche?).

COLLOCAZIONE STRATEGICA E VICINA AI MERCATI DI RIFERIMENTO Nella scelta del sito nel quale costruire il nuovo stabilimento è stato tenuto conto della distanza dai mercati di riferimento. La fabbrica sorgerà nella Provincia di Raygon, a soli 140 chilometri da Bangkok e a 60 dal porto commerciale di Laem Chabang, nelle vicinanze inoltre sorgono varie università a indirizzo tecnologico (Continental non è solo pneumatici, guarda cosa ha presentato al CES 2017). L'area sulla quale verrà costruito lo stabilimento è di 750.000 m² e, secondo il costruttore, a partire dal 2022 si potranno produrre 4 milioni di pneumatici l'anno e, una volta a regime, sarà possibile arrivare a produrre 25 milioni di pezzi l'anno.

ENTRO IL 2022 ANCHE 900 NUOVI POSTI DI LAVORO L'investimento previsto da Continental ammonta, almeno nella prima fase, a circa 250 milioni di euro (Leggi qui la scommessa Continental sulla gomma vegetale); notevole sarà l'impatto sociale ed economico della realizzazione dello stabilimento tailandese, sono infatti previsti 900 nuovi posti di lavoro e l'ovvia creazione di un indotto di terzisti e fornitori. La posa della prima pietra è prevista entro l'anno, i lavori saranno condotti a ritmi serrati e si prevede di consegnare la fabbrica, e avviare la produzione, entro il 2022. Dal 1999 Continental ha realizzato ex novo 5 stabilimenti produttivi e attualmente possiede 21 impianti in 17 diversi Paesi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Costi auto 2020: -7,4% per assicurazione, carburante e bollo in Italia

Tamponamento da auto sconosciuta

Tamponamento da auto sconosciuta: chi copre i danni?

FCA – PSA: perché l’Antitrust UE darà l’ok alla fusione