Continental avvia i test degli pneumatici prodotti dalle piante

Il tarassaco è una varietà russa che sostituirà la gomma naturale nella produzione degli pneumatici auto Continental pronti ai test su strada

2 ottobre 2014 - 11:00

Continental annuncia l'avvio dei test in pista con gli pneumatici Taraxagum, un nome scelto per omaggiare la pianta da cui proviene la gomma con cui saranno prodotti i futuri pneumatici del gruppo Continental. Il frutto della ricerca sull'impiego della pianta Dente di Leone vedrà impiegati nei prossimi mesi gli pneumatici invernali Continental prodotti con il tarassaco sulle  piste di Germania e Svezia.

I TEST SUI PROTOTIPI INVERNALI – I lettori più attenti hanno già associato il Dente di Leone agli pneumatici Continental, infatti è il lavoro di ricerca che ha incoronato il Costruttore di pneumatici con il Primo premio al GreenTec Awards 2014. I traguardi del progetto si sono concretizzati negli pneumatici sperimentali Taraxagum, fabbricati utilizzando per il battistrada la gomma ricavata dal tarassaco (varietà russa del Dente di Leone) in luogo di quella naturale. I test delle gomme Taraxagum saranno avviati su prototipi di pneumatici invernali che normalmente utilizzano una più alta percentuale di gomma naturale rispetto agli altri modelli della gamma. Il lavoro dei tecnici Continental, che sarà validato dalle prove in pista, ha richiesto anche un'attenta analisi per rendere più efficiente e sostenibile anche la coltivazione delle piante.

IL TARASSACO E' PIU' RESISTENTE E SOSTENIBILE – Continental fa sapere che grazie ad approfondite ricerche svolte in collaborazione con l'Istituto Fraunhofer di biologia molecolare ed ecologia applicata (IME), il Julius Kühn-Institute e Aeskulap GmbH, azienda specializzata nella coltivazione di piante, è stato possibile coltivare una specie di tarassaco russo molto resistente. Pensando ad un processo di industrializzazione che limiterà la dipendenza della produzione di pneumatici dalle fonti tradizionali di gomma naturale, i tecnici pensano di poter coltivare il tarassaco russo nei terreni precedentemente inutilizzati delle regioni temperate d'Europa, vicino agli stabilimenti Continental. “Il processo di sviluppo del Taraxagum si è rivelato finora estremamente promettente e Continental continuerà a portare avanti questo percorso di industrializzazione in collaborazione con i propri partner. – spiega Andreas Topp, responsabile dello Sviluppo Materiali e Processi e dell'Industrializzazione in Continental – Siamo convinti che i risultati delle nostre ricerche verranno confermati dai test sugli pneumatici e che questi ultimi saranno perfettamente in grado di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati in termini di prestazioni”.

PRONTI NEL 2019 – Gli pneumatici verranno testati sui circuiti di prova del Contidrom, vicino ad Hannover e ad Arvidsjaur, in Svezia. “Si tratta di un passaggio estremamente importante, perché Continental non accetta compromessi in termini di prestazioni” precisa Nikolai Setzer, a capo della divisione pneumatici Continental. L'idea di poter produrre pneumatici dai fiori è una convinzione supportata dalle ricerche di molti Costruttori di pneumatici ma anche se i risultati sono molto promettenti, Continental sostiene che l'impiego industriale della gomma di tarassaco e la produzione in serie degli pneumatici Taraxagum avverrà nel corso dei prossimi 5-10 anni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete