Si può occupare un parcheggio con una sedia

Si può occupare un parcheggio con una sedia o altri oggetti?

È lecita la prassi di occupare un parcheggio con una sedia o altri oggetti? Rispondono alla domanda il Codice della Strada e anche il... Codice Penale

6 agosto 2020 - 16:00

È una scena piuttosto frequente sulle nostre strade: posti auto occupati da sedie, cassette della frutta vuote e oggetti di vario genere per impedire gli altri automobilisti di parcheggiare e riservarsi il posteggio. Una prassi consolidata che però fa a pugni con la buona educazione e soprattutto con la legge, visto che della questione se ne occupa il Codice della Strada e, nei casi estremi, persino il Codice Penale. Vediamo dunque perché non si può occupare un parcheggio con una sedia o simili.

OCCUPARE UN PARCHEGGIO CON UNA SEDIA: COSA DICE LA LEGGE

Dal punto di vista amministrativo fa testo l’articolo 20 del Codice della Strada, che su autostrade, strade extraurbane e strade urbane di scorrimento vieta ogni tipo di occupazione della sede stradale, ivi compresi fiere e mercati, con veicoli, baracche, tende e simili, mentre su strade urbane di quartiere e strade locali l’occupazione della carreggiata può essere autorizzata a condizione che venga predisposto un itinerario alternativo per il traffico ovvero, nelle zone di rilevanza storico-ambientale, a condizione che essa non determini intralcio alla circolazione. Si tratta, quest’ultime, di eccezioni che ovviamente non riguardano l’occupazione abusiva mediante sedie e altri oggetti allo scopo di riservarsi un posto auto, decisamente vietata e punita con una multa da 173 a 695 euro.

OCCUPAZIONE ABUSIVA DI UN PARCHEGGIO: QUANDO È REATO

Ma attenzione: occupare la sede stradale per i propri scopi può configurare in certi casi anche un reato. L’art. 633 c.p. dispone infatti che “chiunque invade arbitrariamente terreni o edifici altrui, pubblici o privati, al fine di occuparli o di trarne altrimenti profitto, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni o con la multa da 103 a 1.032 euro”. La giurisprudenza è comunque concorde nell’affermare che per esserci reato non basta semplicemente posizionare una sedia o altro oggetto sul manto stradale, ma è necessario che colui che ‘si riserva’ il parcheggio lo faccia con l’intenzione di occupare stabilmente il posto (ad esempio piantando sul terreno dei pali metallici removibili per inibire l’accesso altrui).

E SE A OCCUPARE IL POSTO AUTO È UNA PERSONA?

C’è poi la situazione, anch’essa frequente, nella quale sono le persone in carne e ossa a piazzarsi su uno stallo di sosta per ‘prenotare’ il parcheggio. Ma si può fare? La legge su questo punto è vaga, fermo restando che sui posti destinati alla sosta dei mezzi, come le strisce blu, i passanti non possono sostare a loro piacimento e per finalità differenti da quelle per cui lo spazio è stato adibito. Inoltre l’uso del suolo pubblico non deve impedire il pari uso agli altri soggetti, e l’occupazione di un posto auto per un tempo superiore a quello necessario (appunto perché occupato in anticipo) priva ingiustamente la collettività di una risorsa pubblica. Esiste parimenti un’interpretazione di tenore diverso secondo cui chi incarica altri di ‘tenere il posto’ dell’auto effettua una delega, in questo caso verbale, legittima a tutti gli effetti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Batteria Telepass scarica o difettosa: come risolvere

Limiti di velocità: perché l’obbligo del sistema ISA sarebbe inefficace

Trasporto passeggino in auto: come fare e i modelli più comodi 2020