RC Auto: nel primo trimestre 2019 prezzi in calo del 2,7%

I premi delle assicurazioni auto hanno subito una flessione del 2,7% nei primi 3 mesi del 2019. Solo in Puglia e in Calabria si paga di più

30 aprile 2019 - 14:36

Secondo uno studio dell’Osservatorio RC Auto di Facile.it, il costo per assicurare la propria auto in Italia è diminuito. Analizzando i primi tre mesi dell’anno, i premi medi sono calati del 2,7% in meno rispetto a gennaio 2019. Paragonando invece i prezzi con quelli di marzo 2018, che si aggiravano in media sui 573,84 euro ad assicurazione, il calo è ancora maggiore raggiungendo una differenza del 5,5%.

TREND POSITIVO, TRANNE PER DUE REGIONI

Se sul territorio nazionale il trend è positivo, la Campania e la Puglia segnano un andamento inverso con un aumento delle tariffe. Al Sud non è la prima volta che si registra questo trend. In Campania si registra un aumento dell’1,4%, mentre in Puglia gli automobilisti hanno dovuto affrontare un aumento dei prezzi dello 0,7%. Considerando invece le regioni che hanno registrato i migliori risultati dall’inizio dell’anno, troviamo al primo posto la Valle d’Aosta con un -10,5%, seguita dall’Abruzzo -7,15% e il Veneto con un calo del 5,4%.

LA CAMPANIA CON I PREZZI PIÙ ALTI

Non solo un aumento percentuale dall’inizio dell’anno ma anche il prezzo più alto. In Campania, nel mese di marzo 2019, l’assicurazione di un veicolo a quattro ruote costava in media 935,57 euro, circa il 73% in più rispetto alla media nazionale. Considerando che il costo medio a marzo 2018 aveva superato la soglia dei 1.000 euro, gli automobilisti campani possono ben sperare per i prossimi mesi. Unica vera e propria consolazione rimane il calo dell’1,2% del prezzo medio rispetto a gennaio 2019.

LE GARANZIE ACCESSORIE

Per quanto riguarda le garanzie accessorie scelte dagli automobilisti troviamo al primo posto l’assistenza stradale con il 45% del totale. Percentuale che supera il 70% in regioni come la Puglia, l’Abruzzo e la Campania. Le altre garanzie più richieste a livello nazionale sono la copertura infortuni conducente (16%), la tutela legale (15%) e la garanzia furto incendio, scelta dal 13% dei contraenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Crescono i gommisti in Italia: +8% in 10 anni

Spotify annuncia l’assistente vocale che “ascolta” i passeggeri

Sinistri stradali: fissate nuove linee guida per le riparazioni