Quadricicli non leggeri: quali caratteristiche hanno?

Quando si possono guidare i quadricicli non leggeri, quali sono e qual è la patente adatta: ecco tutte le informazioni da sapere

1 aprile 2021 - 11:37

I quadricicli non leggeri sono una delle categorie di veicoli più accattivanti: si possono guidare con meno limiti rispetto ai quadricicli leggeri. Il Codice della strada però stabilisce quando è possibile guidare un quadriciclo non leggero e quando bisogna rispettare le soglie minime per età e patente. Ecco tutte le differenze e quali sono i quadricicli non leggeri.

QUADRICICLI NON LEGGERI: QUALI SONO?

La categoria dei quadricicli non leggeri è alla base delle differenze rispetto ai quadricicli leggeri e ai limiti da rispettare. L’articolo 47 del Codice della Strada sulla classificazione dei veicoli è chiaro a tal proposito: “i quadricicli della categoria L7e hanno massa a vuoto inferiore o pari a 400 kg (550 kg per trasporto di merci), e la cui potenza massima netta del motore e’ inferiore o uguale a 15 kW”. Dal peso si specifica che è esclusa la massa delle batterie se si tratta di quadricicli non leggeri elettrici. Tutte le prescrizioni tecniche per i tricicli valgono anche per i quadricicli, esattamente come il divieto di manomettere l’impianto di scarico (operazione molto diffusa per portare la potenza di un quadriciclo leggero a quella di uno non leggero) e l’obbligo di revisione dei quadricicli.

PATENTE PER GUIDARE I QUADRICICLI NON LEGGERI

Dalla potenza massima di un quadriciclo non leggero si deduce che per guidarne uno è necessario conseguire la patente B1, se non si è già in possesso della patente B. Ma non solo, è necessario anche aver compiuto almeno 16 anni (limite oltre il quale è possibile anche trasportare un passeggero a bordo). Diversamente, la patente AM a 14 anni abilita a condurre:

quadriciclo leggero (categoria L6e con massa a vuoto inferiore o pari a 350 Kg, potenza massima di 4 Kw e una velocità massima di 45 km/h);

– ciclomotori a 3 ruote (categoria L2e con le stesse prestazioni massime del veicolo di categoria L6e);

– ciclomotori a due ruote (categoria L1e non oltre 50 cm3 e le stesse prestazioni del veicolo di categoria L6e);

CASCO SU QUADRICICLI NON LEGGERI: QUANDO E’ OBBLIGATORIO?

Guidare un quadriciclo non leggero (es un quad) non esula dal rispettare gli stessi obblighi che valgono per i ciclomotori e motocicli. Tuttavia non è vero che ai fini della circolazione sono equiparati ai ciclomotori e lo abbiamo spiegato qui sopra (serve aver compiuto almeno 16 anni). L’uso del casco obbligatorio sui quadricicli leggeri e non leggeri è chiaramente specificato anche dall’articolo 171 del Codice della Strada. In sostanza, sono esentati dall’uso del casco protettivo solo il conducente e il passeggero (quando è possibile trasportalo) che viaggiano su:

– ciclomotori e motoveicoli a tre o a quattro ruote dotati di carrozzeria chiusa;

–  ciclomotori e motocicli a due o a tre ruote dotati di cellula di sicurezza a prova di crash, nonché di sistemi di ritenuta (cinture di sicurezza);

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Opel Corsa F con airbag difettoso: 93 mila auto da richiamare

Targhe nere italiane

Targhe nere italiane: le trasformazioni negli anni

Yamaha presenta il motore elettrico da 350 kW