Multa notificata dopo incidente: per la Cassazione è legittima

È legittima una multa notificata molti giorni dopo un incidente sebbene il trasgressore fosse stato subito identificato? La Cassazione ha risposto così

19 novembre 2020 - 16:00

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 24756 del 5 novembre 2020, si è recentemente occupata della vicenda atipica di una multa notificata molti giorni dopo un incidente a uno dei conducenti coinvolti nel sinistro, nonostante gli agenti fossero giunti sul posto provvedendo a effettuare gli opportuni rilievi e a identificare gli automobilisti. Sappiamo che il Codice della Strada ammette la contestazione differita delle sanzioni stradali solo per i casi specifici descritti nell’articolo 201, e più generalmente qualora non sia possibile procedere con la constatazione immediata. È legittimo quindi notificare in differita una sanzione a un trasgressore correttamente identificato subito dopo il sinistro?

MULTE STRADALI: QUANDO C’È LA CONTESTAZIONE DIFFERITA

Il già citato articolo 201 CdS precisa che “qualora la violazione non possa essere immediatamente contestata, il verbale, con gli estremi precisi e dettagliati della violazione e con la indicazione dei motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata, deve, entro 90 giorni dall’accertamento, essere notificato all’effettivo trasgressore”. Si tratta di una puntualizzazione importante: il verbale ‘differito’ deve sempre riportare le ragioni che hanno reso impossibile la contestazione immediata della violazione stradale, tranne nei casi in cui queste ragioni siano già insite nella natura stessa dell’infrazione (ad esempio le infrazioni rilevate per mezzo di autovelox o in assenza del proprietario del veicolo).

MULTA NOTIFICATA DOPO INCIDENTE: OK DALLA CASSAZIONE

Alla luce di ciò la Cassazione, deliberando su questa vicenda specifica, ha confermato che si può notificare una multa in modalità differita dopo un incidente stradale: l’importante è che gli agenti, una volta eseguite le rilevazioni del sinistro, redigano il verbale direttamente dal proprio comando per poi spedirlo a casa del trasgressore, il quale lo riceverà dopo diversi giorni o settimane, ma non oltre 90 giorni dal sinistro.

NOTIFICA DOPO INCIDENTE: IL VERBALE DEVE CONTENERE I MOTIVI DEL DIFFERIMENTO DELLA CONTESTAZIONE

Il verbale deve ovviamente indicare le ragioni per cui non si è provveduto alla contestazione immediata dello stesso, che nel caso in questione consistevano nel fatto di dover procedere a inderogabili accertamenti sulla dinamica dell’incidente. In definitiva è illegittima la multa fatta dopo l’incidente se non contiene le ragioni del differimento della contestazione, ma tali ragioni possono anche risiedere in una motivazione generica, come l’impegno degli agenti ad effettuare i dovuti rilievi.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cosa si può trasportare in auto? Limiti e sanzioni

Pedoni in stato di ebbrezza: il 27% viene ucciso mentre cammina in strada

Guidare drogati e poi ubriachi

Guidare drogati e poi ubriachi: per la Cassazione non c’è recidiva