Patente B1 cosa posso guidare

La patente di categoria B consente di condurre tutti i tipi di quadricicli a motore?

A parte le autovetture con massimo 9 posti, la patente di categoria B consente di condurre tutti i tipi di quadricicli a motore, e non solo

11 febbraio 2021 - 18:00

La patente B è quella più diffusa perché permette di guidare le automobili. Però non tutti sanno che abilita alla guida di molti altri veicoli. Ad esempio la patente di categoria B consente di condurre tutti i tipi di quadricicli a motore, e non solo. Urge pertanto un quadro riepilogativo sui veicoli che si possono guidare con la patente B.

CHE COS’È LA PATENTE B

La patente B si consegue a partire dai 18 anni dopo aver superato un esame di teoria e una prova pratica. Tuttavia chi ha già la patente A1 o A2 o A o B1 può prendere la patente B svolgendo solo la prova pratica di guida. È valida per 10 anni fino all’età di 50 anni, 5 anni per chi ha un’età compresa tra 50 e 70 anni, 3 anni per chi ha un’età tra 70 e 80 anni e 2 anni dopo gli 80. Al termine di ogni periodo di validità occorre rinnovare la patente effettuando una nuova visita medica per accertare la persistenza dei requisiti psicofisici. Ricordiamo che la patente B prevede limitazioni di velocità e di guida per i primi tre anni dalla data di superamento dell’esame (i cosiddetti limiti dei neopatentati). E solo nel primo anno non permette di guidare autovetture con rapporto potenza/peso oltre 55 kW/t e con potenza assoluta oltre 70 kW.

CHE COSA SI PUÒ GUIDARE CON LA PATENTE B

In base all’articolo 116 comma 3 lettera f) del Codice della Strada la patente di categoria B consente di guidare gli autoveicoli la cui massa massima autorizzata non supera 3.500 kg e progettati e costruiti per il trasporto di non più di 8 persone oltre al conducente. Ai veicoli di questa categoria può essere agganciato un rimorchio con massa massima autorizzata non superiore a 750 kg, oppure superiore a 750 kg purché la massa massima autorizzata di tale combinazione (auto + rimorchio) non superi 4.250 kg. Se tale combinazione supera 3.500 kg è però richiesto il superamento di una prova di capacità e comportamento su veicolo specifico, con annotazione sulla patente del relativo codice comunitario B96.

ALTRI VEICOLI CHE SI POSSONO GUIDARE CON LA PATENTE B

Con la patente B si possono inoltre guidare:

– le macchine agricole, comprese quelle definite eccezionali;
– le macchine operatrici (sgombraneve, ecc.), eccetto quelle eccezionali;
– i mezzi adibiti a servizio di emergenza, aventi massa complessiva a pieno carico fino a 3,5 tonnellate;
– solo in Italia, i motocicli con cilindrata massima di 125 cc, potenza non superiore a 11 kW e rapporto potenza peso non superiore a 0,1 kW/kg. E,  se si hanno almeno 21 anni, i tricicli di potenza superiore a 15 kW;
– tutti i veicoli che si possono condurre con le patenti AM (ciclomotori e quadricicli leggeri) e B1 (quadricicli pesanti).

Inoltre chi ha la patente B può conseguire la patente A2 (motocicli entro 250 cc) o A (valida per ogni tipo di motociclo) effettuando solo la prova pratica.

LA PATENTE DI CATEGORIA B CONSENTE DI CONDURRE TUTTI I TIPI DI QUADRICICLI A MOTORE

Abbiamo già anticipato nel precedente paragrafo che la patente di categoria B consente di condurre tutti i tipi di quadricicli a motore. L’articolo 53 comma 1 lettera h) del CdS definisce i quadricicli a motore:

veicoli a quattro ruote destinati al trasporto di cose con al massimo una persona oltre al conducente nella cabina di guida, ai trasporti specifici e per uso speciale, la cui massa a vuoto non superi i 550 kg, con esclusione della massa delle batterie se a trazione elettrica, capaci di sviluppare su strada orizzontale una velocità massima fino a 80 km/h. Le caratteristiche costruttive sono stabilite dal regolamento d’attuazione del codice. Qualora superino anche uno solo dei limiti stabiliti i quadricicli sono considerati autoveicoli”.

L’articolo 47 comma 2 lettera a) suddivide a sua volta i quadricicli a motore in:

quadricicli leggeri o minicar (categoria L6e): veicoli con massa a vuoto non superiore a 350 kg, esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici; velocità massima per costruzione non superiore a 45 km/h; cilindrata del motore non superiore a 50 cm³ per i motori ad accensione comandata; potenza massima netta non superiore a 4 kW per gli altri motori a combustione interna e potenza nominale continua massima non superiore a 4 kW per i motori elettrici. Tali veicoli sono conformi alle prescrizioni tecniche applicabili ai ciclomotori a tre ruote della categoria L2e;

quadricicli pesanti o quad (categoria L7e): veicoli con massa a vuoto non superiore a 400 kg (550 kg per i veicoli destinati al trasporto di merci), esclusa la massa delle batterie per i veicoli elettrici, e con potenza massima netta del motore non superiore a 15 kW. Tali veicoli sono considerati come tricicli e sono conformi alle prescrizioni tecniche applicabili ai tricicli della categoria L5e.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?