Guidare in Romania: limiti, norme e consigli per evitare multe

Scopri tutte le norme, i consigli e i limiti del codice della strada rumeno per guidare in Romania in tutta sicurezza e senza prendere multe

18 marzo 2020 - 10:00

Eccoci con una nuova tappa del viaggio alla scoperta dei codici della strada dei Paesi dell’Unione Europea: cosa bisogna sapere per guidare Romania. Ecco una guida che  ricorda le norme che regolano la circolazione in Romania, i consigli da ricordare e i limiti del Codice della Strada in Romania. Il Paese è entrato a far parte della Comunità Europea da poco meno di 10 anni e da allora si sono intensificati notevolmente gli scambi commerciali e il traffico da e verso la Nazione. Scopriamo cosa sapere per guidare in Romania e non avere sorprese o essere multati.

GUIDARE IN ROMANIA: I LIMITI DI VELOCITA’

Nei centri urbani rumeni il limite di velocità, salvo diversa indicazione della segnaletica, è fissato in 50 km/h. Sulle strade extraurbane il limite sale a 90 km/h e sulle strade a doppia corsia per carreggiata a 100km/h; sulle autostrade la velocità massima, allineata alla media europea, è di 130 km/h.

LIMITI ALCOL AL VOLANTE E GUIDA IN ROMANIA

In Romania il limite di alcol consentito per legge alla guida è pari a zero, nessuna tolleranza è quindi ammessa. Chi viene trovato positivo all’alcool test, anche con un tasso minimo, rischia la sospensione della patente fino a 90 giorni e una multa consistente (Scopri la segnaletica romena anti-sbronza); la sanzione può essere ridotta a 30 giorni se il multato accetta di seguire un corso “riabilitante” di 7 giorni di lezioni di guida.

GUIDARE IN ROMANIA SOTTO L’EFFETTO DI DROGHE E PSICOFARMACI

Al pari dell’alcol alla guida in Romania non è tollerata alcuna sostanza stupefacente o psicotropa ed eventuali controlli positivi sugli automobilisti sono sanzionati in maniera pesante. L’uso di droghe o sostanze che alterino la percezione quando si conduce una vettura è considerato un crimine.

PAGAMENTO MULTE IN ROMANIA

Così come avviene in numerosi altre nazioni europee anche in Romania è previso il pagamento sul posto delle multe per infrazioni al codice della strada. Qualora si verificasse questa evenienza bisogna richiedere il rilascio di una quietanza che confermi l’avvenuto pagamento in contanti. È inoltre opportuno sapere che in caso di parcheggio in sosta vietata l’auto può essere rimossa o bloccata con le ganasce. (Sai come comportarti se una ganascia ti blocca? Scoprilo qui).

OBBLIGO CINTURE DI SICUREZZA E SEGGIOLINI IN ROMANIA

Le cinture di sicurezza sono obbligatorie per tutti gli occupanti della vettura, quindi anche per chi siede sul divano posteriore. I minori di 12 anni non possono sedere sul posto del passeggero anteriore, i bambini fino a 3 anni devono essere collocati su seggiolini omologati e adatti alla loro corporatura (Scopri tutto sulla sicurezza dei bambini con la guida #SicurEDU sui seggiolini).

ULTERIORI MISURE DI SICUREZZA  SULLA GUIDA IN ROMANIA

La dotazione di sicurezza obbligatoria per guidarein Romania prevede il triangolo, un kit di primo soccorso, un estintore e il giubbetto riflettente ad alta visibilità. Riguardo l’uso delle luci queste devono essere accese anche di giorno quando si circola al di fuori dei centri abitati. L’uso degli abbaglianti in Romania è consentito di notte nei centri abitati, su strade senza illuminazione e agli incroci; devono essere ovviamente abbassate quando si incrocia un altro veicolo o un pedone.

IL TRASPORTO DI ANIMALI IN ROMANIA

Il trasporto di animali in Romania provenienti da altri Paesi è subordinato al possesso del Passaporto Europeo per animali rilasciato dalle autorità veterinarie; questo deve riportare indicazioni circa la vaccinazione antirabbica. Inoltre gli animali devono essere riconoscibili tramite tatuaggio o microchip.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidente con patente scaduta

Incidente con patente scaduta: si può chiedere il risarcimento?

Come verificare il livello di usura del battistrada degli pneumatici

Dita chiuse nella portiera dell'auto

Dita chiuse nella portiera dell’auto: chi paga i danni?