Guidare in Lussemburgo: limiti, norme e consigli per evitare multe

Pagamento delle multe sul posto o cauzione per i guidatori stranieri, questa e tante altre cose da sapere per guidare in Lussemburgo in sicurezza

14 settembre 2020 - 8:00

Il nostro viaggio alla scoperta dei codici della strada in vigore nei Paesi europei approda oggi in Lussemburgo una delle nazioni più piccole d’Europa per estensione. Forse non è una meta turistica tra le più gettonate, ma la sua particolare posizione, incastonata tra Belgio, Francia e Germania, fa sì che la si possa includere in un tour, magari in auto, delle capitali europee. Inoltre è sede di numerose istituzioni e agenzie dell’UE. È quindi interessante conoscere quali sono i capisaldi del codice della strada lussemburghese e le sue peculiarità, potendo così guidare in Lussemburgo in tutta sicurezza ed evitare di venire multati o peggio.

Articolo aggiornato il 14 settembre 2020 alle ore 8:00

LIMITI DI VELOCITA’ IN LUSSEMBURGO

I limiti di velocità imposti nel Granducato di Lussemburgo sono piuttosto allineati a quelli della maggior parte dei Paesi della Comunità Europea. In città il limite massimo è di 50 km/h, salvo diversa indicazione della segnaletica stradale. Sulle strade extraurbane il limite è di 90 km/h mentre sulle autostrade è di 130 km/h; in caso di pioggia il limite autostradale si riduce a 110 km/h.

ALCOL ALLA GUIDA IN LUSSEMBURGO

Anche per quanto riguarda il limite massimo di alcol consentito alla guida la normativa lussemburghese non si discosta più di tanto dalle altre nazioni. Il tasso alcolemico consentito e di 0.5 g/litro ma per i neopatentati e i drivers professionali il limite è ridotto a 0.2 g/litro.

GUIDA SOTTO L’EFFETTO DI DROGHE IN LUSSEMBURGO

In Lussemburgo le sostanze stupefacenti, così come l’uso senza prescrizione medica di psicofarmaci, sono proibite e sanzionate. Ovviamente è vietato guidare in stato d’alterazione indotto da droghe e altre sostanze, qualora si venisse trovati positivi a un controllo si incorre in sanzioni pecuniarie e, per situazioni gravi, si rischia l’arresto.

MULTA PRESA IN LUSSEMBURGO

In Lussemburgo è previsto il pagamento delle multe anche sul posto. Se un conducente non residente in Lussemburgo non paga la multa contestualmente è tenuto comunque a versare una somma, d’importo variabile, a titolo di cauzione. Nel Paese vigono, come sanzioni accessorie in base al tipo d’infrazione, il sequestro o la confisca del mezzo, il ritiro, la sospensione e la revoca della patente di guida.

OBBLIGO CINTURE DI SICUREZZA E SEGGIOLINI

L’uso delle cinture di sicurezza è obbligatorio per tutti gli occupanti della vettura. I bambini di altezza inferiore a 1.50 metri e peso inferiore a 36 kg devono essere assicurati a seggiolini o rialzi omologati e in ogni caso fissati ai sedili. L’installazione di un seggiolino sul sedile anteriore e rivolto contro il senso di marcia è ammesso a condizione che venga disattivato il corrispondente airbag frontale (Scopri tanti consigli e tutorial sui seggiolini per bambini).

ULTERIORI MISURE DI SICUREZZA

Per guidare in Lussemburgo bisogna disporre in auto del triangolo di emergenza e del giubbetto riflettente. Le luci anabbaglianti devono essere accese anche di giorno qualora le condizioni atmosferiche dovessero ridurre la visibilità. In presenza di ghiaccio o neve è obbligatorio utilizzare.

VIAGGIARE CON ANIMALI DOMESTICI IN LUSSEMBURGO

Per introdurre animali domestici in Lussemburgo bisogna sapere che le bestiole devono avere il passaporto europeo per gli animali domestici (rilasciato dalle competenti autorità sanitarie veterinarie italiane) il quale deve contenere informazioni dettagliate circa la vaccinazione antirabbica dell’animale. Devono essere inoltre riconoscibili tramite un microchip elettronico o un tatuaggio leggibile, applicato prima del 3 luglio 2011, con lo stesso codice riportato nel passaporto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Trasformare un'auto in elettrica

Trasformare un’auto in elettrica: in arrivo un bonus del Governo

Parabrezza montato male: cosa succede in caso d’incidente?

Codice della Strada

Codice della Strada: attenti alle ‘bufale’ in rete