Guida autonoma: limite velocità a 130 km/h in autostrada dal 2023

Le auto e i furgoni a guida autonoma potranno andare a 130 km/h in autostrada: ma solo nei Paesi che adotteranno il regolamento ONU

18 ottobre 2022 - 11:06

Dal 2023 potrà essere adottato l’emendamento che introduce importanti novità nell’ambito dell’armonizzazione delle regole che riguardano lo sviluppo e i test di guida autonoma. Quella più rilevante riguarda la velocità massima per i veicoli a guida autonoma in autostrada. E’ quanto prevede l’emendamento al regolamento ONU 153 adottato dal Forum mondiale per l’armonizzazione dei regolamenti sui veicoli.

AUTO E FURGONI A GUIDA AUTONOMA: IL LIMITE IN AUTOSTRADA SALE A 130 KM/H

La novità principale introdotta dalla modifica al regolamento prevede l’estensione del limite di velocità massima da 60 km/h a 130 km/h sulle autostrade per autovetture e veicoli commerciali leggeri a guida autonoma. Il regolamento potrà essere adottato da tutte le parti che decideranno di attuarlo a partire dal gennaio 2023, ma non include ancora i mezzi pesanti dotati di sistemi di automazione alla guida (ADS), come riporta Uomini e trasporti. L’emendamento, è stato sviluppato dal Gruppo di lavoro sui veicoli autonomi e connessi (GRVA) e si basa sul regolamento delle Nazioni Unite dei sistemi automatizzati di mantenimento della corsia (ALKS).

DISPOSIZIONI DI SICUREZZA PER I COSTRUTTORI DI VEICOLI A GUIDA AUTONOMA

Il regolamento prevede comunque una serie di disposizioni di sicurezza che devono essere rispettate nei test di sviluppo, ad esempio:

– i sistemi di guida autonoma possono essere attivati ​​solo su strade in cui è vietato il transito o la presenza di pedoni e ciclisti. Inoltre le strade devono essere dotate di una separazione fisica con i veicoli che provengono da direzioni opposte;

– il collaudatore può sempre prendere il controllo del veicolo mentre è in modalità di guida autonoma e il sistema deve essere in grado di restituire il controllo del veicolo al conducente in qualsiasi momento;

– il regolamento stabilisce per i Costruttori anche i requisiti su omologazione del tipo, requisiti tecnici, controllo e rendicontazione dei test e prove reali che devono essere rispettati dai costruttori per commercializzare i veicoli dotati di sistemi a guida autonoma all’interno dei Paesi che applicano il regolamento ONU. E’ riportato il chiaro obbligo che il sistema di guida autonoma deve rispettare le regole sulla circolazione stradale nei Paesi in cui è venduto il veicolo o proposto il sistema.

LE AUTO A GUIDA AUTONOMA DEVONO REGISTRARE OGNI MANOVRA EFFETTUATA

I veicoli a guida autonoma dovranno essere conformi agli standard sulla cybersecurity e l’aggiornamento del software stabiliti dai relativi regolamenti ONU e altre disposizioni di carattere generale. In particolare:

– garantire una guida regolare del veicolo e limitare la congestione del traffico;

– il Costruttore del veicolo deve assicurare l’archiviazione dati per la guida automatizzata (DSSAD), per registrare le informazioni più rilevanti di funzionamento, come l’attivazione del sistema di guida automatizzata, i cambi di corsia che effettua il sistema ADS, etc.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori