Etilometri non revisionati: ora per il ministero è tutto ok

Da tre anni si attendeva che gli etilometri fossero revisionati: senza controlli, gli alcoltest non valgono. Ora il ministero dei Trasporti garantisce che i banchi di prova vanno a pieno regime

3 settembre 2019 - 9:43

Finisce la telenovela degli etilometri non revisionati: almeno così assicura il ministero dei Trasporti. Tutto nasce diversi anni fa, e si aggrava nel 2015 quando si registra un guasto al Centro di Settebagni a Roma. Il risultato? Ritardi accumulati nelle operazione di revisione annuale, presso l’unico laboratorio attivo a Milano. Proprio mentre l’Italia cercava di centrare l’obiettivo imposto dall’Unione europea di dimezzare i morti sulle strade dal 2011 al 2020, e proprio dopo l’introduzione della legge sull’omicidio stradale. Che ha fra gli obiettivi arginare il fenomeno dei sinistri da alcol.

ETILOMETRI NON REVISIONATI INUTILIZZABILI 

Con gli etilometri ko, le Forze dell’ordine non potevano operare sul territorio. Solo a Verona, nel 2018, ci sono state settimane in cui il Comando municipale è rimasto con solo un etilometro. Perché gli altri cinque erano giacenti a Milano per revisioni, che superano anche gli 11 mesi di attesa. Episodi analoghi si sono verificati in Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, coinvolgendo oltre 6.000 municipi.

LA RISPOSTA DEL MINISTERO SULLE REVISIONI DEGLI ETILOMETRI

In materia di alcol e guida, il 27 agosto scorso i senatori Massimo Ferro e Massimo Mallegni hanno presentato un’interrogazione parlamentare. In risposta, il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli ha riportato le informazioni aggiornate del Centro superiore ricerche e prove autoveicoli e dispositivi di Roma (Csrpad). Sentiamo: “L’espletamento delle attività di controllo iniziale e periodico degli etilometri risulta corrente a pieno ritmo sin dal mese di aprile, grazie all’effettuato acquisto di due banchi prova di nuova generazione“. Ed è stata attivata con una società in house del ministero dell’Economia, una collaborazione e supporto tecnico attraverso l’impiego di quattro tecnici dedicati, di cui due ingegneri.

REVISIONI ETILOMETRI REGOLARI

Così, garantisce il ministero, è stata normalizzata l’attività del laboratorio che, a oggi, non ha lavoro arretrato. Infatti, i controlli sia iniziali sia periodici degli etilometri presso il Csrpad sono regolari e svolti in tempo reale. Adesso, servono controlli su strada, con le Forze dell’ordine impegnate per effettuare le prove con gli etilometri, prevenendo gli incidenti. E aiutando gli stessi guidatori che si pongono al volante in stato alterato: se causano un sinistro, scatta la rivalsa assicurativa, che li vede costretti a risarcire le compagnie. In caso di lesioni fisiche, possono essere in ballo milioni di euro. Leggi qui sotto, in pdf, il parere integrale del Ministero sulla revisione degli etilometri.

Scarica PDF

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Bonus rottamazione auto per TPL: slitta il decreto

4 errori da non fare con bambini fino a 12 anni e cinture di sicurezza

Guida in stato di ebbrezza auto confiscata

Etilometro non revisionato: l’onere della prova spetta all’accusa