Ciclisti e camionisti si scambiano per un giorno: l'esperimento Ford [VIDEO]

In UK il 70% dei ciclisti viene investito da mezzi pesanti, così Ford li mette uno nei panni dell'altro

26 novembre 2018 - 20:14

La sicurezza stradale è un tema importante che coinvolge gli automobilisti come tutti gli utenti della strada. In casa Ford hanno deciso di prendere le parti dei ciclisti spesso vessati a causa dello scarso numero di piste ciclabili. Il bilancio in termini di vittime e feriti tra i cicloamatori è particolarmente pesante in Gran Bretagna. Ecco allora che il marchio americano dell'auto ha scelto di schierarsi al fianco dell'associazione London Cycling. In tutta la Gran Bretagna ben il 16% delle morti tra i ciclisti è causata dai veicoli commerciali di grandi dimensioni, che hanno causato addirittura il 70% delle vittime nella città di Londra. Ecco allora il perchè di un originale esperimento sociale che ha chiesto a ciclisti e trasportatori di invertirsi i ruoli almeno per un giorno.

CICLISTI IN PERICOLO Quando si parla di ciclisti il popolo degli automobilisti si spacca in due. Da un lato ci sono coloro che li avversano ferocemente, mentre dall'altro c'è chi li difende a spada tratta. Va detto che molto spesso si sbaglia da entrambe le parti mettendo in strada condotto a dir poco pericolose per la sicurezza (Leggi il 70% degli incidenti avviene in città). Ford ha scelto di collaborare alla campagna di sensibilizzazione organizzata da London Cycling per dare ai ciclisti e ai conducenti dei veicoli commerciali di grandi dimensioni un assaggio della che è la “vita su strada” dell'altra categoria. I veicoli commerciali vantano infatti un triste primato. In tutta la Gran Bretagna, ben il 16% delle morti di ciclisti è causato da veicoli commerciali di grandi dimensioni. I dati diventano preoccupanti a Londra. Nella capitale inglese i furgoni hanno causato il 70% delle vittime tra i ciclisti.

SERVE UN CAMBIO DI PASSO L'iniziativa WheelSwap ha visto la London Cycling Campaign proporre un'interessante ed educativo scambio di prospettive tra autotrasportatori e ciclisti. Il tutto è stato reso possibile grazie a specifici visori capaci di riprodurre l'esperienza, a volte poco piacevole, della pedalata nel traffico. Particolare attenzione è stata presta alla posizione di guida del driver dei mezzi di trasporto che impesce di vedere con esattezza la posizione del ciclista su strada (Leggi piste ciclabili +22% in 7 anni). “London Cycling sta lavorando con l'industria per far si che i nuovi progetti di camion con meno punti ciechi diventino la norma”, ha dichiarato Ashok Sinha, amministratore delegato di London Cycling, aggiungendo che “Tuttavia è importante che i conducenti e i ciclisti facciano semplici passi per mettersi nei panni dell'altro e aiutare a evitare collisioni. Programmi come” WheelSwap “e” Safer Urban Driving “aiutano a raggiungere questo obiettivo e incoraggiamo più conducenti e ciclisti a prendervi parte. ” Dal canto loro la campagna mira a responsabilizzare anche i ciclisti circa il corretto posizionamento sulla carreggiata di marcia.

UN MESSAGGIO CONDIVISO Come parte integrante della campagna, Ford si è impegnata a farsi promotrice dei messaggi volti alla tutela dei ciclisti nelle scuole inglesi. L'iniziativa nelle scuole avviene durante la settimana dedicata alla sicurezza stradale e mostrerà l'esperienza della pedalata su strada grazie al visore WheelSwap. Inoltre, Ford, grazie al modulo “Safer Urban Driving” che include una biciletta “statica”, vuole rendere il test ancor più coinvolgente ed emozionale. “Comprendere le azioni degli altri utenti della strada è estremamente importante per aumentare la sicurezza stradale”, ha dichiarato John Oldham, responsabile delle operazioni di trasporto in Europa di Ford, sottolineando che “L'attività WheelSwap ci aiuta sicuramente a raggiungere questo obiettivo e penso che abbiamo prodotto già risultati positivi.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Le previsioni sbagliate sulle auto elettriche smentite dalle vendite

Auto elettriche: la ricarica bidirezionale taglierà i costi delle colonnine?

Batterie auto elettriche: 7 Paesi europei si uniscono per tagliare i costi